Ufo

Avvistamenti di Ufo aumentati nel 2020

ufo

ROMA Ben 380 sono state le segnalazioni di avvistamenti di oggetti volanti non identificati in Italia pervenute nel 2020 al Centro ufologico nazionale, con un incremento del 57% rispetto all’anno precedente (quando erano state 241). L’aumento di avvistamenti però, come ha precisato lo stesso Centro ufologico, è stato condizionato dall’attività di Space X: il 41% delle segnalazioni, infatti, sono da attribuire al passaggio in cielo dei piccoli satelliti Starlink, soprattutto nei mesi di marzo e aprile.

Insufficienza di dati

Entrando nel dettaglio, tra le segnalazioni ricevute il 28% risultano essere «non valutabili» per insufficienza di dati, mentre nel 13% dei casi manca la testimonianza diretta del momento in cui sono state acquisite le immagini (con oggetti rilevati solo con una visione successiva e generalmente da riferire a fenomeni naturali). Quanto alle tipologie di avvistamento, per oltre il 50% delle segnalazioni si tratta in realtà di fenomeni naturali che non sono stati correttamente interpretati, il 25% è riferito ad osservazioni di luci notturne «non identificate» di cui il 6% riguardano oggetti o sfere diurne. Un altro 20% sono da attribuire a riflessi per errori video-fotografici.

Lazio e Toscana in testa

Le Regioni interessate da più segnalazioni sono state Lazio (in particolare Roma), Toscana (con concentrazione a Firenze), Lombardia (con più segnalazioni a Milano e Varese), Emilia-Romagna (dove spicca Bologna), Veneto (con il primato ufologico di Treviso) e Piemonte (Torino). Scorrendo la tabella della casistica per tutto il 2020, si trova un po' di tutto: dalle lanterne cinesi avvistate a gennaio a Somma Lombarda al bolide verde segnalato a Parma a febbraio, dai fari di una discoteca che hanno fatto gridare all'Ufo a Brendola nel vicentino a marzo al passaggio della Stazione spaziale internazionale non riconosciuto vicino Firenze ad aprile. E ancora: pianeti (in particolare Venere) scambiati per oggetti non identificati, così come aerei e droni. Infine, come detto, la valanga di satelliti "Starlink" per l'accesso a Internet satellitare globale in banda larga messi in orbita dalla Space X di Elon Musk.

METRO

Articoli Correlati
Ufo