Sport

Roma, nuova Caporetto: 2-4 eliminata dallo Spezia

Coppa Italia

CALCIO Nuova impresa dello Spezia all'Olimpico dopo quella del 2015. Ai quarti contro il Napoli ci andrà infatti lo Spezia che batte la Roma 4-2 dopo i tempi supplementari. La squadra di Fonseca -non bastasse l'inizio di gara horror visto nel derby - dopo 15’ va sotto di due reti: prima un rigore al 5’ trasformato da Galabinov poi al 15’ una botta al limite dell’area di Saponara. Il presagio di un'altra figuraccia -viste anche le incredibili lacune difensive- era nell'aria, tuttavia i giallorossi attaccano a testa bassa e rimontano i due gol:  prima Pellegrini (rigore), poi Mkhitaryan. Ed è sul 2-2, al primo tempo supplementare, che succede l'inverosimile. 

La Roma resta infatti in 9 per l’espulsione prima di Mancini (doppio giallo) e poi dopo un minuto del portiere Pau Lopez. A quel punto, per gli spezzini la vittoria diventa un boccone a portatat di mano: e prima un gran colpo di testa di Verde  e poi un pallonetto di Saponara mandano in frantumi i sogni dei giallorossi. Troppo molle questa squadra per essere vera: la proprietà, Dan e Ryan Friedkin, ieri si è trattenuta allo stadio improvvisando un piccolo vertice: l'impressione è che Fonseca sia appeso ad un filo e che la prossima sfida di campionato, guardacaso proprio con lo Spezia, sia per lui la gara della verità. 

La serata storta dei giallorossi è proseguita anche con un nuovo strafalcione organizzativo, dopo quello di Verona: i romanisti fanno infatti il sesto cambio ma il regolamento non lo prevede. Responsabilità da condividere con la terna arbitrale, evidentemente impreparata tanto quanto il club capitolino: se avesse vinto, probabilmente alla Roma sarebbe stato nuovamente inflitto il 3-0 a tavolino. 
Disastro. Disastro vero. 

Articoli Correlati
Sport