News

Rifiuti di Roma Ecco il nuovo regolamento

ROMA RIFIUTI

ROMA È stato presentato oggi il nuovo regolamento per la gestione dei rifiuti urbani della Capitale. Tra le principali novità introdotte c'è la figura dell'ispettore ambientale, che verrà individuato per zone in una o più associazioni di volontariato riconosciute e supporterà l'amministrazione nell'organizzazione dei servizi territoriali. Si propone anche lo sviluppo di Centri di riuso sul territorio della Capitale: l'idea è quella di aree comunali, gestite da Ama ma separate dai centri di raccolta dei rifiuti, e in cui sarà possibile portare materiali in buono stato e che potranno essere destinati a terzi anzichè essere avviati al riciclo.

Il regolamento mette nero su bianco il contrasto a quelli che la sindaca di Roma, Virginia Raggi, ha mediaticamente definito "zozzoni pendolari" e sancisce che "è vietato da parte di cittadini non aventi residenza o dimora nel comune, utilizzare i contenitori per i rifiuti urbani, per il conferimento di rifiuti prodotti in altro territorio comunale". Lotta anche ai fumatori disattenti. Come già previsto nel regolamento di polizia locale: multe dai 30 ai 150 euro per chi abbandona a terra mozziconi di sigaretta, ma anche per chi si lascia sfuggire piccoli rifiuti come scontrini, fazzoletti o gomme da masticare. Multe anche per chi rovista nei cassonetti e abbandona rifiuti in terra e per chi non raccoglie le deiezioni degli animali, questo obbligo decade nel caso in cui il proprietario dell'animale abbia notevoli disabilità. Il provvedimento sostituisce e aggiorna quello attualmente in vigore e che risale al 2005, allineandolo "alle ultime direttive europee, alle delibere capitoline oltre che alle leggi regionali intervenute", ha spiegato l'assessora ai Rifiuti Katia Ziantoni stamattina nel corso di una commissione Ambiente sul tema. Il regolamento ha ottenuto parere favorevole stamattina della commissione Ambiente, con il voto della maggioranza M5s, si sono astenuti i consiglieri d'opposizione.

Ora il documento sarà sottoposto al vaglio dei municipi e poi approderà in Assemblea capitolina. "Il nuovo regolamento - precisa in una nota il presidente M5s della commissione Ambiente Daniele Diaco - definisce, in maniera puntuale ed esaustiva, i principi normativi inerenti alla gestione dei rifiuti urbani domestici e non domestici, le norme relative alla gestione dei rifiuti urbani esterni, del compostaggio e dei rifiuti speciali".

Il regolamento infine tratta ampiamente "anche la gestione dei centri di raccolta, le modalità di accesso e di conferimento dei rifiuti e le sanzioni nei confronti dei trasgressori - aggiunge Diaco -. Molto importanti anche le disposizioni concernenti gli ispettori ambientali, individuati in una o più associazioni di volontariato riconosciute di cui Roma Capitale intende avvalersi ai fini dell'organizzazione del servizio, e le prescrizioni in materia di ecofeste e di prevenzione dello spreco alimentare, che prevedono l'applicazione della legge Gadda inerente alle disposizioni sulla donazione e la distribuzione di prodotti alimentari e farmaceutici ai fini di solidarietà sociale e per la limitazione degli sprechi e l'attuazione di accordi di programma e protocolli di intesa con i consorzi di filiera afferenti al Conai".

Articoli Correlati
News