Coronavirus Italia

Vaccino, in Italia quasi 600mila dosi iniettate

Coronavirus

Sono 589.798 le dosi di vaccino somministrate al momento in Italia, pari al 64,2% del totale delle dosi disponibili e distribuite sul territorio nazionale. Il dato contenuto nel report del commissario per l'emergenza Covid reso noto dalla Presidenza del Consiglio dei ministri è aggiornato alle 10:48 di oggi. I vaccinati sono 364.680 femmine e 225.118 maschi, suddivisi tra 478.539 operatori sanitari, 72.422 unità di personale non sanitario e 38.837 ospiti di strutture residenziali.

Le regioni che hanno somministrato la maggior parte delle dosi ricevute sono la Campania con l'89%, il Veneto con l'81,%, la Toscana con il 79,9%, l'Umbria con il 79,6%. In coda la provincia autonoma di Bolzano con il 34,8% e la Lombardia con il 38%.

"Non abbiamo tutti i vaccini che vorremmo: l'Ue ha autorizzato per ora quelli di Pfizer e Moderna. L'Italia avrà 60 milioni di dosi nel corso dell'anno da questi due, vaccinando 30 milioni di italiani". Lo ha detto Domenico Arcuri, commissario straordinario di governo per l'emergenza Covid. "Se verranno autorizzati almeno due degli altri 4 vaccini, Astrazeneca e quello Johnson & Johnson, noi riusciremmo a raggiungere l'obiettivo che ci siamo posti. Mi aspetto che l'Ema non perderà tempo ma anche che non autorizzerà mai l'immissione in commercio di un vaccino che non avrà le caratteristiche di sicurezza". Arcuri ha infine annunciato che da domani ci sarà una nuova distribuzione di dosi di vaccini sul territorio nazionale. 

In Campania non si può continuare a vaccinare il personale medico e sanitario per mancanza di dosi. "Ancora nella giornata di ieri la Campania ha raggiunto, con il 90%, la percentuale più alta d'Italia nella somministrazione dei vaccini. Oggi in tutte le aziende sanitarie si esauriscono le dosi consegnate alla nostra regione. Questa sera le aziende si fermano per mancanza di vaccini. E' questo l'esito di una distribuzione fatta in modo sperequato nei giorni scorsi", comunica in una nota il presidente della Regione, Vincenzo De Luca. "Ho segnalato il problema al commissario Arcuri, sollecitando un invio immediato. Martedì dovrebbero arrivare nuove forniture, ed è necessario che questo avvenga, riequilibrando i nostri quantitativi - aggiunge - così come è necessario e urgente l'invio di personale aggiuntivo per le vaccinazioni, per far fronte alla situazione di forte sottodimensionamento del nostro personale nella quale si sta lavorando". "Voglio ringraziare tutte le nostre strutture sanitarie per i risultati straordinari conseguiti pure in carenza di personale. La campagna vaccinale sarà nei prossimi mesi la nostra priorità, per portare la Campania fuori dall'epidemia e verso una vita normale", conclude il 'governatore'. 

 

Articoli Correlati
Coronavirus Italia