Coronavirus Italia

Israele, ok a Moderna L'Europa aspetta Ema

Coronavirus

Il ministero della Salute di Israele ha autorizzato l’importazione del vaccino Moderna nel Paese mediorientale, quello al mondo in cui la campagna di vaccinazione anti Covid procede con maggiore rapidità ed efficienza. Secondo quanto riporta una nota della società Usa, le dosi che sono state prenotate per Israele sono 6 milioni e le prime consegne sono attese in questo stesso mese di gennaio. E’ la terza autorizzazione per il vaccino Moderna, già autorizzato in Usa e Canada.

Ulteriori autorizzazioni sono in attesa dell’ultimo ok in Ue, Singapore, Svizzera e Regno Unito. Ma la discussione del comitato per le medicine umane (Chmp) dell'Ema sul vaccino di Moderna contro il Covid-19 non si è conclusa ieri e continuerà mercoledì 6 gennaio 2021, ha reso noto la stessa Ema (l'Agenzia europea per il farmaco) ieri. "Solo con Pfizer e con Moderna il paese ha più di 61 milioni di dosi a disposizione. Sono cifre assolutamente importanti", ha detto Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità. "Già nel primo trimestre dell'anno - ha sottolineato - abbiamo 12 milioni di dosi disponibili per garantire la copertura delle categorie prioritariamente identificate ora, quindi operatori sanitari e ospiti delle Rsa. Poi si passerà agli ultraottantenni e poi si scenderà di età per offrire il vaccino anche alle forze dell'ordine e agli insegnanti - ha concluso Locatelli - per garantire il massimo della riapertura in sicurezza delle scuole".

Articoli Correlati
Coronavirus Italia