ucraina
12:03 pm, 18 Maggio 24 calendario

Diecimila persone via da Kharkiv. Zelensky: «Ampia offensiva russa»

Di: Redazione Metronews
diecimila persone
condividi

Quasi diecimila persone sono state costrette a lasciare le loro case nella regione di Kharkiv, nel nord-est dell’Ucraina, in seguito all’offensiva di terra russa. «Un totale di 9.907 persone sono state evacuate», ha dichiarato il governatore Oleg Synegoubov, più di una settimana dopo il lancio dell’assalto russo che potrebbe essere solo il primo passo di una nuova offensiva di Mosca. Lo ha sostenuto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. L’offensiva russa «potrebbe consistere in diverse ondate. C’è stata la prima ondata» nella regione di Kharkiv, ha detto Zelensky, aggiungendo che le truppe russe «vogliono attaccare, ma hanno compreso che attaccare Kharkiv è molto difficile». Il presidente ucraino ha anche sottolineato che il suo Paese ha bisogno di oltre cento aerei per contrastare la potenza aerea russa precisando che l’Ucraina ha solo un quarto delle difese aeree di cui ha bisogno: «Oggi abbiamo circa il 25% di ciò che ci serve per difendere l’Ucraina. Sto parlando della difesa aerea. Affinchè la Russia non abbia la superiorità aerea, la nostra flotta dovrebbe avere da 120 a 130 aerei moderni».

Diecimila persone sfollate

Ma l’esercito ucraino avrebbe bisogno anche di più uomini: «Abbiamo bisogno di personale per le riserve – ha ammesso Zelensky – un gran numero di brigate sono vuote. Dobbiamo farlo in modo che i ragazzi abbiano una rotazione normale. Così il loro morale migliorerà». Non a caso oggi è entrata in vigore una nuova legge di mobilitazione per rimpolpare i ranghi dell’esercito. Secondo il leader ucraino, poi, la Russia non ha i mezzi per lanciare un nuovo grande assalto a Kiev mentre Mosca è all’offensiva nell’Ucraina orientale e nord-orientale: «Non hanno le forze per una grande offensiva sulla capitale come all’inizio dell’invasione», ha detto Zelensky, che ritiene che il Donbass (a est) e Kharkiv (a nord-est) siano i principali obiettivi del Cremlino.

Sventato attacco con i droni

Intanto le difese aeree ucraine hanno abbattuto tutti i 13 droni d’attacco di tipo Shahed lanciati durante un attacco russo durante la scorsa notte. Lo ha reso noto il comandante dell’aeronautica Mykola Oleshchuk. Secondo quanto riferito, i droni sono stati lanciati dalla città portuale russa di Primorsko-Akhtarsk, situata sulla costa del Mar d’Azov, e dall’oblast di Kursk in Russia. Le unità missilistiche delle forze armate ucraine e i gruppi di fuoco mobili dell’aeronautica ucraina hanno intercettato i droni sugli oblast di Kharkiv, Poltava, Vinnytsia, Mykolaiv e Dnipropetrovsk, ha spiegato l’aeronautica militare nel suo aggiornamento della mattina Gli attacchi dei droni sono all’ordine del giorno in Ucraina, colpendo varie regioni del paese. Negli ultimi mesi, la Russia ha intensificato gli attacchi contro le infrastrutture energetiche dell’Ucraina, lanciando massicci attacchi con droni e missili contro strutture critiche. L’Ucraina ha introdotto restrizioni sull’approvvigionamento energetico in tutto il Paese a causa di una «significativa carenza di energia».

18 Maggio 2024
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo