Italia
1:23 pm, 3 Marzo 24 calendario

Maltempo: frane e mareggiate al Centro-Nord, allerta in diverse Regioni

Di: Redazione Metronews
condividi

Allerta maltempo in diverse regioni. Domenica di piogge, frane e mareggiate al Centro-Nord per una nuova intensa perturbazione scandinava che ha investito in particolare le regioni nord-occidentali, con forti mareggiate in Liguria e una frana che ha isolato un paese del Parmense.

In Liguria è allerta gialla

In Liguria ha iniziato a piovere nella notte e sono attesi forti temporali nel pomeriggio con allerta gialla a Ponente e Levante. Le raffiche di vento di scirocco hanno superato i 110 chilometri orari e in mare si sono viste onde fino a due metri e mezzo.

La Regione richiede “estensione dello stato d’emergenza”

Possibile che domani la regione invii «al governo una richiesta di estensione dello stato di emergenza rispetto alle mareggiate di qualche mese fa», ha spiegato l’assessore ligure alla Protezione civile, Giacomo Giampedrone che ha messo in guardia sul pericolo di smottamenti e piccole frane.

Smottamenti e frane nel Genovese

Una frana è stata registrata Calice al Cornoviglio dove la Regione sta mettendo in sicurezza la Strada provinciale 20, chiusa per precauzione. Smottamenti nel Genovese a partire da Crocefieschi e Pieve Ligure, mentre a ponente ci sono state frane in Val Bormida.

Allerta arancione per l’Emilia-Romagna e gialla per altre sette regioni

Per oggi la Protezione civile ha diramato un’allerta arancione per l’Emilia-Romagna e gialla per vari settori di altre sette regioni: Liguria, Piemonte, Lombardia, Veneto, Toscana (dove l’allerta è stata estesa anche alla mattina di domani, lunedì 4 marzo, per tutta la costa, la Garfagnana, la lucchesia, l’entroterra livornese, le valli dell’Ombrone e del Fiora), la stessa Emilia-Romagna e la Sardegna.

Nella pianura emiliana la situazione è in via di miglioramento e per domani resterà solo una criticità arancione nella pianura centro-occidentale per il lento esaurimento delle piene e di possibili incrementi dei livelli d’acqua in Appennino.

Intanto in provincia di Modena sono stati riaperti i ponti sul Secchia.

L’allerta in Piemonte

In Piemonte, dalle ore 13, è allerta arancione per rischio valanghe e rischio idrogeologico nelle valli Sesia, Cervo, Chiusella, Orco, Lanzo, Susa, Sangone, Chisone, Pellice e Po. L’allerta è invece gialla per il resto del Piemonte tranne che per la Valle Scrivia, dove è verde. A disporlo è il bollettino emesso da Arpa Piemonte. La Sala operativa della Protezione civile informa che sono chiuse in via precauzionale per rischio valanghe le strade dell’Alta Val Formazza e della Val Chiusella e la statale del Moncenisio, oltre ad alcuni tratti tra Alessandria e Casalcermelli e ad Ovada. Chiusa anche per la caduta di un masso la sp299 della Valsesia all’altezza di Piode.

A Torino è attesa un’intensificazione delle piogge in serata. Per quanto riguarda il livello dei fiumi, la piena è attesa per la tarda mattinata di domani quando i livelli del Po potrebbero superare la banchina, per poi stabilizzarsi. Per tale ragione i Murazzi, dove già questa mattina è iniziata l’attività di smontaggio e rimozione di arredi e ombrelloni come previsto dal Piano di Protezione Civile, verranno chiusi dalla mezzanotte di questa sera fino al pomeriggio di domani con accesso interdetto sino al ripristino delle condizioni di sicurezza. Intanto, prosegue il monitoraggio anche per quanto riguarda le strade collinari. Secondo le previsioni, a partire da domani si assisterà ad una attenuazione dei fenomeni, che riprenderanno martedì con intensità inferiori a quelle attuali.

Frane anche nel Parmense

Nel Parmense una grossa frana si è riversata su una strada provinciale a ridosso del confine con la Liguria in località case Fazzi, interessando un fronte di circa 30-40 metri. E’ rimasto isolato, sul versante parmense, il centro abitato di Santa Maria del Taro con 200 abitanti. Un’altra frana ha provocato la caduta di rocce a Calestano, nella val Baganza nel Parmense e i detriti hanno causato l’interruzione della strada comunale di Vigolone, chilometro 1.

In Val d’Aosta sono state chiuse per pericolo valanghe diverse strade a causa delle intense nevicate.

Allerta gialla da stasera  nel Lazio

L’Agenzia Regionale di Protezione civile del Lazio ha emesso un’allerta gialla con validità dal pomeriggio – sera di oggi, domenica 3 marzo e per le successive 18-24 ore. Si prevedono sul Lazio precipitazioni anche a carattere di rovescio o temporale, con quantitativi cumulati fino a puntualmente moderati. In serata quota neve in calo fino a 1000 metri.

3 Marzo 2024
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo