Milano
9:36 pm, 20 Febbraio 24 calendario
2 minuti di lettura lettura

Milano Fashion week nel segno dell’inclusione

Di: Redazione Metronews
Milano fashion week
condividi

La Milano Fashion week che animerà la città fino al 26 febbraio, ha preso il via sotto il segno dell’inclusione. Il primo evento della giornata è stato la firma di un «Protocollo di intesa per tracciare, segnalare e contrastare i fenomeni discriminatori che interessano l’intera fashion industry», da parte dell’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali della Presidenza del Consiglio dei Ministri (Unar), Camera Nazionale della Moda Italiana (Cnmi) e African Fashion Gate (Afg).

Milano Fashion week nel segno dell’inclusione

«Abbiamo scelto di dare un messaggio importante all’insegna dell’inclusività, per stimolare anche le industrie a comportamenti virtuosi» ha osservato il presidente della Camera nazionale della moda italiana (Cnmi), Carlo Capasa, che nell’occasione ha annunciato che Tamu McPherson sarà “Cnmi Ambassador for Diversity and Inclusion”. La blogger e street style photographer, di origine jamaicana darà un «supporto fondamentale a tutte le nostre iniziative» ha detto Capasa.

Installazione sul clima

La prima giornata della Milano Fashion Week ha dato spazio anche a un’installazione contro i cambiamenti climatici in via Paolo Sarpi 19: un’auto devastata da chicchi di grandine grandi quanto macigni, verniciata con la scritta “Climate change doesn’t exist”. Il progetto, ideato e prodotto da Fondazione CESVI e Factanza Media, insieme a Mirror, nasce con l’obiettivo di trasformare un concetto astratto in un’esperienza visiva coinvolgente, ricordando la drammatica inondazione in Pakistan del 2022, che causò milioni di profughi.

20 Febbraio 2024
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo