Sanremo 2024
4:30 pm, 6 Febbraio 24 calendario
3 minuti di lettura lettura

Irama: “Mai detto di non voler vincere Sanremo”

Di: Redazione Metronews
Irama
condividi

Irama suona la quinta, come Amadeus, sulle note di Tu no con un testo che punta diritto al cuore dell’ascoltatore. “Bastasse solo una stupida canzone per riuscire a riportarti da me”, la frase che resta.

Irama e la sana competizione

«Non ho mai detto che non voglio vincere, a me piace la competizione sana. Mi farebbe enormemente piacere, e andrei a festeggiare. Quando dico che non ho scritto il brano di Sanremo per una competizione, intendo dire che mi rappresentava in questo momento, e ho pensato che fosse giusto presentare questo pezzo. So perfettamente che c’è una gara, e vincerla mi renderebbe felice». Così Irama alla conferenza stampa sanremese, a poche ore dal debutto della 74esima edizione del festival, dove è in gara con “Tu no“.

Un pezzo che, giunto alla quinta esperienza al festival, è per lui molto importante e, come spiega il suo manager, “rappresenta l’inizio di un percorso artistico iniziato da pochi mesi, che parte da questo brano sanremese”.

«Melodicamente è un pezzo che ha un crescendo, una dinamica», spiega Irama che il 15 maggio 2024 sarà all’Arena di Verona. Che nella serata delle cover duetterà con il cantautore Riccardo Cocciante. «L’incontro con Cocciante è stato molto bello, anche a me come a lui piace sviluppare una sorta di fil rouge nelle canzoni… La prova con l’orchestra? È sempre molto emozionante, forte poter raccontare questa canzone su questo palco. L’effetto è sempre lo stesso».

Con le canzoni non si fanno le rivoluzioni

Circa la sua posizione sulla protesta dei trattori, che aleggia anche su Sanremo non si sbilancia. «Non voglio espormi a livello politico ma penso che in generale le persone debbano essere ascoltate. Chi ha da dire ha il diritto di essere ascoltato. Se sono antifascista? Non avrei problemi a cantare Bella Ciao, anche se con le canzoni non si fanno le rivoluzioni, la virtù sta nel mezzo”, conclude Irama.

6 Febbraio 2024
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo