2:28 pm, 7 Dicembre 23 calendario

Hamas, dozzine di terroristi si arrendono alle truppe israeliane. Colpite decine di obiettivi a Khan Younis. Molti suicidi tra i sopravvissuti al massacro del rave

Di: Redazione Metronews
condividi

Diversi filmati girati a Gaza e caricati sui social media nelle ultime ore mostrano come l’Idf abbia radunato dozzine di palestinesi – che secondo quanto riportato dai media ebraici sarebbero possibili sospetti di Hamas che si sono arresi alle truppe israeliane a Jabaliya e in altre aree del paese.

I miliziani di Hamas si arrendono

I giovani palestinesi vengono immortalati spogliati, bendati e con le mani legate dietro la schiena. In un video, un gruppo di loro viene filmato mentre viene trasportato nel retro di un veicolo militare israeliano. Haaretz intanto parla di «decine di combattenti di Hamas che si sono arresi» all’esercito israeliano nel nord della Striscia di Gaza.

Uccisi decine di terroristi

Le Forze di difesa israeliane hanno annunciato oggi l’uccisione di un certo numero di terroristi di Hamas nel nord e nel sud della Striscia di Gaza. In un post su Telegram, l’Idf parla di “decine di obiettivi terroristici” colpiti nella città meridionale di Khan Younis e di “un conflitto a fuoco tra militari e membri di una cellula terroristica davanti all’ingresso di un tunnel”. “Due terroristi sono stati uccisi”, riporta il messaggio postato dalle forze di difesa.

Nella città settentrionale di Jabalya i soldati hanno effettuato un raid mirato contro un compound militare appartenente ad un battaglione di Hamas. “Alcuni terroristi sono stati uccisi nel quadro delle operazioni”, si legge ancora su Telegram. I militari hanno anche scoperto una rete di tunnel sotterranei collegata con l’esterno del compound, un’area adibita ad attività di addestramento e una struttura destinata ad immagazzinare armi.

Molti sopravvissuti al massacro del rave suicidi o in ospedale psichiatrico

La Bbc ha reso noto che diversi sopravvissuti al massacro dei terroristi di Hamas, al rave party del Nova festival, il 7 ottobre, sono rimasti così traumatizzati dagli orrori a cui hanno assistito che sono stati ricoverati in ospedali psichiatrici perchè stanno troppo male; alcuni si sarebbero anche uccisi.

«Ho parlato con almeno tre ragazze che adesso sono ricoverate per una situazione psichica molto complicata a causa degli stupri a cui hanno assistito», ha raccontato il ministro May Golan. «Hanno finto di essere morte ma hanno visto e sentito tutto. E non ce la fanno a reggere». «Sono 18 i ragazzi e le ragazze che sono stati ricoverati in strutture psichiatriche perchè stanno male», ha aggiunto il capo della polizia israeliano, Yaacov Shabtai. Una persone nel team di psichiatri e volontari che stanno aiutando i sopravvissuti a far fronte a quello che hanno vissuto ha raccontato che alcuni si sono già uccisi. Tutti tra l’altro devono far fronte con il senso di colpa: “perchè sono sopravvissuto io e non un mio amico?, avrei dovuto far salire altri nella mia auto per portarli in salvo?, non mi merito di essere salvato e avrei potuto fare di meglio”.

7 Dicembre 2023
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo