latina
3:48 pm, 25 Novembre 23 calendario

Nello stomaco aveva batterie, chiavi, brugole, accendini, vetro, monete, bulloni e persino una candela dell’auto…

Di: Sergio Raffo
condividi

Si è presentato in ospedale con i sintomi di un’anemia, è stato sottoposto a una lastra e da qui la scoperta sconcertante. L’uomo aveva un vero e proprio reparto di ferramenta nello stomaco: batterie, mollette da bucato, spille touch, punte per trapano, chiavi, brugole, accendini, pezzi di vetro e di ceramica, penne, monete, dadi, una candela dell’auto, bulloni, cucchiaini e persino una forchetta.

Subito si è quindi deciso l’intervento chirurgico di urgenza.

Nello stomaco un reparto da ferramenta

E’ accaduto a Latina dove il paziente, un uomo di mezza età, è stato operato con successo da Giuseppe Cavallaro, responsabile dell’Unità operativa di chirurgia generale a gestione universitaria attiva presso l’Istituto chirurgico ortopedico (Icot). Un possibile caso di picacismo, disturbo alimentare che porta a mangiare oggetti non commestibili.
“Sono stato chiamato per una consulenza riguardo a questo pazienti, che presentava diversi corpi estranei nello stomaco – racconta Cavallaro – che ho provveduto immediatamente a rimuovere con intervento chirurgico, che fortunatamente è riuscito bene e il paziente è salvo”.

Il picacismo negli uomini e negli animali

Alla base del picacismo, o allotriofagia, vi è quasi sempre un’anemia da carenza di ferro, e il disturbo regredisce con la correzione della carenza o, nel caso delle donne incinte, col termine della gravidanza. Il picacismo è  anche disturbo comportamentale dei gatti, nei quali si manifesta con una tendenza a succhiare abiti di lana, ma anche nei cani, e può derivare da stress.

25 Novembre 2023 ( modificato il 1 Marzo 2024 | 17:45 )
© RIPRODUZIONE RISERVATA