carne coltivata
4:33 pm, 16 Novembre 23 calendario

Ok della Camera al divieto di carne “coltivata”. Presidente Coldiretti spintona deputati di +Europa

Di: Redazione Metronews
condividi

Ok della Camera al disegno di legge che introduce il «divieto di produzione e di immissione sul mercato di alimenti e mangimi costituiti, isolati o prodotti a partire da colture cellulari o di tessuti derivanti da animali vertebrati» e il «divieto della denominazione di carne per prodotti trasformati contenenti proteine vegetali». Il provvedimento, già approvato in precedenza dal Senato, è quindi legge. A favore hanno votato a favore in 159; contrari 53, astenuti 34. Mentre nell’Aula di Montecitorio si discuteva, in piazza i toni si sono accesi. «Siamo stati aggrediti davanti Palazzo Chigi dal presidente di Coldiretti – ha denunciato il segretario di Più Europa, Riccardo Magi – io e Benedetto Della Vedova siamo stati aggrediti dal presidente e da altri di Coldiretti che hanno attraversato correndo via del Corso e si sono scagliati contro di noi che eravamo davanti alla sede del governo a manifestare pacificamente» contro il divieto alla carne coltivata. «È arrivato di corsa il presidente di Coldiretti che ha cominciato a spintonare in particolare Della Vedova. Le forze dell’ordine sono intervenute e hanno dovuto allontanare Ettore Prandini», ha aggiunto.

Ok della Camera fra tensioni in piazza

«Se il presidente di Coldiretti si sente in diritto di aggredire un parlamentare credo che siamo all’eversione. È una persona che non dovrebbe ricoprire un ruolo del genere, ora facciamo una bella denuncia», ha detto il deputato di +Europa Benedetto Della Vedova, dopo essere stato spintonato da Ettore Prandini davanti a Palazzo Chigi, dove era in corso una manifestazione di Coldiretti. Della Vedova si trovava a piazza Colonna. «Durante le dichiarazioni di voto sono andato sotto Palazzo Chigi per fare una foto con un volantino che testimoniava la nostra posizione sul ddl sulla carne coltivata – ha raccontato Della Vedova – noi eravamo sotto Palazzo Chigi e a un certo punto arriva prima un signore con le insegne di Coldietti, dopo qualche secondo arriva come un ossesso il presidente di Coldiretti Prandini, arriva gridando contro di me “delinquente, delinquente” e continua a urlare cercando di riaggredirmi. Fortunamente gli agenti della Digos lo allontanano poi arriva la polizia. Trovo di una gravità assoluta che il presidente della più grande associazione sindacale degli agricoltori si senta legittimato ad aggredire un parlamentare».

16 Novembre 2023
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo