Roma
5:04 pm, 9 Novembre 23 calendario
3 minuti di lettura lettura

Garage trasformati in abitazioni, Veloccia: «Degenerazione urbana»

Di: Redazione Metronews
Veloccia
condividi

L’assessore capitolino all’Urbanistica Maurizio Veloccia boccia la proposta di legge regionale che consente di trasformare garage, seminterrati e cantine in abitazioni: «Roma si opporrà in tutti i modi. È degenerazione urbana».

Garage trasformati in abitazioni, Veloccia: «È degenerazione urbana»

«La proposta di trasformare garage e cantine in abitazioni in deroga a qualsiasi norma e alla pianificazione comunale mi trova totalmente contrario». È quanto afferma l’assessore all’Urbanistica di Roma, Maurizio Veloccia, in merito alla proposta di legge presentata dalla maggioranza al Consiglio regionale del Lazio.

«Mentre parliamo di Rigenerazione Urbana con progetti che modernizzano la città – continua Veloccia -, si propone di mandare le persone a vivere sottoterra e le macchine a occupare le strade. È evidente che, se passasse una norma del genere, Roma si opporrà in tutte le sedi. Altro che rigenerazione, qui siamo alla degenerazione» conclude Veloccia.

La proposta di legge

La prima firmataria della proposta di legge regionale, portata in commissione regionale Urbanistica a settembre, porta la firma di Laura Cartaginese, capogruppo della Lega alla Pisana. Il testo accorpa tre proposte distinte che riguardano la trasformazione per uso abitativo di garage, seminterrati e cantine. Gli altri firmatari sono il vice presidente dell’Assemblea regionale Giuseppe Cangemi, il capogruppo di Forza Italia Giorgio Simeoni e altri quattro consiglieri di FdI.

Il provvedimento, che prima di essere approvato in Consiglio regionale dovrà passare anche il vaglio della Commissione Urbanistica del Lazio, prevede anche un’agevolazione. Se il testo diventerà legge, chiunque trasformerà in abitazione un garage, una cantina o un seminterrato, non dovrà pagare il contributo di costruzione.

Le controversie

La proposta di legge suscita forti perplessità su più fronti, primo tra tutti l’effettiva abitabilità dei locali. In secondo luogo ci sono i rischi per la sicurezza connessi agli allacci di luce, acqua e gas per uso abitativo in ambienti poco idonei. Infine c’è in ballo anche l’incolumità degli stessi inquilini in caso di alluvioni. C’è poi il problema dell’abusivismo legato alla conversione di cantine, garage e locali in b&b e case vacanza.

(Immagine di repertorio)

9 Novembre 2023
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo