attacco di hamas a israele
2:50 pm, 9 Novembre 23 calendario

Gaza City, battaglia furiosa tra soldati israeliani e Hamas vicino all’ospedale al-Shifa e ai centri di comando dei terroristi. Cia e Mossad in Qatar, si lavora a tregua e ostaggi

Di: Redazione Metronews
condividi

I capi delle agenzie di spionaggio statunitense e israeliana, Cia e Mossad,  sono in Qatar, al lavoro sull’accordo di cessate-il-fuoco che consenta il rilascio di una ventina di ostaggi da parte di Hamas e l’ingresso di altri aiuti a Gaza.

Cia, Mossad, Qatar

I negoziati a tre -tra il direttore della Cia Bill Burns, David Barnea, capo del Mossad, e i qatarini, che sono in contatto con Hamas- si stanno concentrando sulla possibilità che Israele fermi l’offensiva per tre giorni per facilitare il rilascio di 10-20 ostaggi civili. Anche una fonte vicina ad Hamas a Gaza ha detto all’Afp che il Qatar sta mediando per liberare 12 ostaggi, tra cui sei americani, in cambio di «una tregua umanitaria di tre giorni».

L’interruzione temporanea dei combattimenti servirebbe anche a spingere Hamas a compilare e consegnare una lista di tutti gli oltre 240 ostaggi che detiene e per consentire la consegna di ulteriori aiuti alla Striscia. Secondo la fonte, «negli ultimi giorni i colloqui stanno procedendo bene verso un’intesa».

All’incontro c’erano il capo della Cia, William Burns, e il numero uno del Mossad, David Barnea, che con i funzionari del Qatar hanno parlato di un piano proposto per arrivare al rilascio di 10-20 ostaggi civili in cambio di una pausa di tre giorni nei combattimenti e dell’arrivo di altri aiuti, oltre alla richiesta per Hamas di compilare e consegnare un elenco con i nomi degli ostaggi trattenuti a Gaza.

Soldati israeliani nel quartiere di Hamas a Gaza City

La 162esima divisione dell’esercito israeliano sta combattendo nel cosiddetto quartiere militare di Gaza City, adiacente all’ospedale al-Shifa – ritenuto dalle forze dello Stato ebraico “il cuore” delle attività operative e di intelligence di Hamas – e ai siti sospettati di essere stati utilizzati per pianificare l’assalto del 7 ottobre. Secondo l’Idf, le truppe israeliane si stanno scontrando “frequentemente” con i “terroristi” nell’area.

Il quartiere, stando sempre all’esercito di Tel Aviv, ospita siti “strategici” di Hamas tra cui il quartier generale dell’intelligence e della difesa aerea, la sede dell’ufficio politico e una stazione di polizia.

L’IdfF afferma che nel quartiere si trova anche il più grande campo di addestramento di Hamas, insieme ad altre postazioni militari, impianti e magazzini per la produzione di armi, centri di comando, uffici dei comandanti di Hamas e infrastrutture sotterranee.

9 Novembre 2023
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo