Russia
4:40 pm, 26 Settembre 23 calendario

Mosca mostra un video: «Sokolov è vivo». Arrivano i tank Usa Abrams

Di: Redazione Metronews
condividi

E’ vivo l’ammiraglio russo Viktor Sokolov, dato per morto dagli ucraini nel bombardamento della base della Flotta del Mar Nero a Sebastopoli. Lo scrive l’agenzia di stampa Ria Novosti, che ha diffuso un video con le immagini di una riunione al ministero della Difesa presieduta da Sergei Shoigu alla quale è presente il comandante della Flotta.  Nel filmato un uomo che somiglia a Sokolov sembra partecipare in videoconferenza alla riunione con Shoigu e altri comandanti militari russi. Sull’uniforme c’è la scritta ‘Sokolov V. N.’ e in cirillico sullo schermo ci sono le iniziali della Flotta del Mar Nero, evidenzia la Cnn che precisa di non aver potuto confermare che si tratti effettivamente di Sokolov né quando si sia tenuta la riunione né dove siano state girate le immagini con l’ammiraglio.

Smentita morte di Sokolov

La morte del comandante era stata data per certa dagli ucraini in quello che è stato presentato come un attacco che ha decapitato i comandi della marina militare russa in Crimea.
E un attacco simile sarebbe avvenuto oggi, quando su suggerimento dei servizi di sicurezza ucraini, le forze di difesa di Kiev hanno colpito il posto di comando temporaneo russo nella regione di Kherson con un missile Himars. All’interno era in corso la riunione quotidiana degli ufficiali russi del 24mo reggimento fucilieri motorizzato. A riferirne è l’Ukrainska Pravda, secondo cui 8 ufficiali sarebbero stati uccisi.

I tank Abrams “bruceranno”

Nella battaglia che si svolge anche nel campo della propaganda, i carri armati americani Abrams appena consegnati all’Ucraina “bruceranno” minaccia arrivata il Cremlino, secondo cui il loro arrivo sul campo di battaglia “non cambierà i rapporti di forza”. “I carri armati Abrams sono armi serie”, ha detto il portavoce Dmitri Peskov, ma “bruceranno”. “Niente di tutto questo può in alcun modo influenzare l’essenza dell’operazione militare speciale”, né “il suo esito”, ha poi affermato Peskov, aggiungendo che nessuna arma può “cambiare i rapporti di forza sul campo di battaglia”. Il portavoce ha poi denunciato che con queste nuove forniture “gli americani continuano ad aumentare il loro coinvolgimento“. Il ministro della Difesa russo  Shoigu ha dichiarato che le forze armate ucraine hanno perso più di 17mila persone questo mese, aggiungendo che Kiev ha perso tre carri armati di fabbricazione occidentale: due Leopard tedeschi e un Challenger britannico.

Fuoco su Odessa

Due feriti e danni alle infrastrutture portuali di Izmail, a Odessa. E’ il bilancio di un attacco con droni durato due ore e sferrato contro la città ucraina. Ad essere danneggiati un certo numero di depositi, circa 30 camion e sei furgoni. Nuovo attacco anche contro la città di origine del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, Kryvyi Rih. A darne notizia è stato su Telegram il capo dell’amministrazione militare della città, Oleksandr Vilkul.

 

26 Settembre 2023
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo