Torino
5:06 pm, 6 Settembre 23 calendario
3 minuti di lettura lettura

Urso: «Eliminato il blocco dei Diesel Euro 5 in Piemonte»

Di: Redazione Metronews
condividi

Il blocco dei veicoli diesel euro 5 in Piemonte a partire dal 15 settembre potrebbe saltare, già dalla prossima settimana. A dirlo oggi il ministro delle Imprese e del made in Italy, Adolfo Urso, durante un question time alla Camera. «Posso annunciare che sulla base del confronto in atto ed è verosimile che già nella prossima settimana si possa evitare il blocco di questi veicoli», ha infatti annunciato. «Resta molto fermo l’impegno del governo e dell’Italia a tutela dell’ambiente», ha aggiunto.

Uno sblocco che per Urso dipenderebbe anche dalle misure alternative messe già in atto dall’Italia che avrebbero già migliorato la qualità dell’aria del Piemonte: «Gli interventi e le misure in parte già attuati hanno già consentito di ottenere risultati significativi nella qualità dell’aria. Occorre proseguire con un approccio in grado di tenere conto delle trasformazioni in atto e della stringente regolamentazione europea senza ricorrere a soluzioni estemporanee che rischierebbero di indebolire il settore», ha dichiarato, ricordando che il governo è impegnato a costruire una strategia di rilancio e di transizione ecologica per il settore con il tavolo Stellantis come «snodo fondamentali».

Allo studio incentivi per i proprietari di auto Diesel

Infine il ministro ha annunciato che sarebbero allo studio incentivi per migliorare il parco auto: «Nel quadro dell’accordo al tavolo automotive è nostra intenzione aumentare gli incentivi per consentire a chi ne ha davvero bisogno, i possessori di auto euro 0, 1, 2 e 3 di migliorare il parco auto circolante», spiegando come la revisione degli incentivi debba sostenere da una parte i veicoli più sostenibili e dall’altro incentivare la produzione nazionale.

Gioisce Matteo Salvini

Gongola intanto il ministro Salvini che aggiunge: «Come garantito, il governo è pronto a scongiurare il folle divieto per i diesel Euro 5 in Piemonte voluto dall’Europa. Siamo determinati a difendere l’ambiente, senza estremismi ideologici che non migliorano la qualità dell’aria, ma peggiorano le condizioni di centinaia di migliaia di famiglie e lavoratori».

6 Settembre 2023
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo