Roma
6:27 pm, 6 Settembre 23 calendario
5 minuti di lettura lettura

Expo 2030, corsa finale per sostenere Roma

Di: Redazione Metronews
Expo 2030
condividi

Expo 2030, parte la corsa finale per sostenere Roma. I prossimi giorni saranno decisivi per la Capitale, in competizione con Riad.

Expo 2030, corsa finale per sostenere Roma

Sulla candidatura di Roma a Expo 2030 il sistema Paese è unito e c’è una vera e propria unità nazionale. È quanto emerso ieri sera dall’incontro voluto dalla Fondazione Roma Expo nella cornice del Maxxi, il Museo delle arti del XXI secolo, uno dei gioielli architettonici della Capitale, firmato Zaha Hadid e che coniuga antichità e modernità. Da pochi giorni si è aperta di fatto la corsa finale per aggiudicarsi l’esposizione del 2030 che la Capitale italiana vuole realizzare in un’area a sud della città, a Tor Vergata, da riqualificare.

Le prossime settimane saranno intense dal punto di vista della campagna elettorale internazionale. Il 28 novembre i 170 Paesi membri del Bureau international des expositions sono chiamati al voto finale a Parigi. E secondo il presidente del Comitato promotore Roma Expo 2030, Giampiero Massolo, «chi dice che la partita è persa ha torto, è ancora aperta».

La competizione con le altre città

La rivale principale è l’Arabia Saudita, che ha candidato la Capitale Riad. Ma non è meno agguerrita la Corea del Sud che ha proposto di svolgere l’Expo a Busan. Tuttavia, secondo Massolo, «abbiamo dalla nostra parte la forza di un grande Paese europeo, con partnership durature e collaborazioni non episodiche. Noi siamo quelli che restano – ha detto l’ambasciatore -. Riteniamo, da qui al 28 novembre, di poter acquisire non solo consensi ma di far cambiare qualche idea e far uscire dall’indecisione i moltissimi Paesi indecisi».

E nella campagna elettorale è impegnato tutto il sistema Paese, dalle università con i centri di ricerca alle principali imprese italiane. »Sulla candidatura di Roma c’è una unità nazionale, c’è un’immagine potente di condivisione, si candida la Capitale, la Città eterna, ma si candida anche un Paese intero ed è questo il valore aggiunto. La premier Meloni sarà combattiva fino all’ ultimo», ha assicurato la vicepresidente della Regione Lazio, Roberta Angelilli, esponente di Fratelli d’Italia, lo stesso partito della premier Giorgia Meloni.

Dello stesso avviso anche il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, che ha garantito: «Siamo uniti, è un lavoro molto positivo. Tutti stiamo svolgendo impegni diplomatici a tutto campo, siamo in una grande campagna elettorale. Il sistema Paese è compatto e non manca di sottolineare, a tutti gli interlocutori, che il nostro è il progetto più forte, più credibile, più coerente con gli obiettivi dello sviluppo sostenibile».

L’impegno del sindaco all’estero

Soltanto pochi giorni fa il primo cittadino è andato in visita in Macedonia a Skopje dove ha incontrato la sua omologa, Danela Arsovska, per la firma di un memorandum d’intesa, volto a rafforzare la collaborazione tra le due capitali. Con l’occasione è stato ricevuto anche dal ministro degli Esteri Bujar Osmani e dalla vicepremier per il buon governo Slavica Grkovska, a cui ha presentato la candidatura di Roma ad ospitare l’Esposizione universale nel 2030. Nel corso degli incontri è stata ribadita l’importanza dell’Italia come partner strategico della Macedonia del Nord, anche con riferimento al futuro europeo del Paese.

6 Settembre 2023
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo