CALCIOMERCATO
4:44 pm, 4 Agosto 23 calendario

L’attacco della Roma ed altri misteri di questo mercato

Di: Redazione Metronews
v
condividi

L’attacco della Roma è uno dei più grandi misteri della Serie A. Riavvolgiamo il nastro: 4 giugno 2023, Roma Spezia: Tammy Abraham si infortuna gravemente al ginocchio (sarà poi operato al legamento crociato). Da quel giorno la Roma sa che ha bisogno di un attaccante per sostituire l’inglese, che rientrerà a marzo. Ma ad oggi, 4 agosto, la Roma sembra non avere la più pallida idea di quale attaccante comprare. E può contare solo su Belotti.

L’attacco della Roma, l’ironia di Mourinho

Tanto che è stato lo stesso Mourinho, con la squadra, a farsi beffe della situazione. L’ultimo giorno del ritiro in Algarve infatti la Roma, schierata per una foto, ha lasciato uno spazio vuoto tra i giocatori: quello dell’attaccante, appunto (nella foto).

Prima Scamacca. Poi Morata. Quindi Marcos Leonardo. Tra annunci e smentite, offerte e controfferte, a poco più di due settimane dall’avvio del campionato il piatto piange ancora. Non a caso il club capitolino è  all’ultimo posto nella classifica delle spese sul calciomercato finora, compresi i riscatti dei calciatori, stabilita da Transfermarket.

Nel frattempo oggi Alvaro Morata ha chiuso la porta ai giallorossi.  L’attaccante spagnolo dell’Atletico Madrid ha infatti  parlato ai messicani di Tudn e allontanato i giallorossi di José Mourinho: «Sono felice di essere qui, ma noi giocatori non possiamo controllare il mercato. Non penso alla Roma, non è un’opzione».

Adesso per i giallorossi è iniziato il tormentone Arnautovic, che il Bologna considera assolutamente incedibile.

Altra telenovela estiva è quella per la porta dell’Inter. L’infinito tira e molla tra nerazzurri e Bayern Monaco rischia di non finire mai. I fatti: a gennaio il Bayern prende Yann Sommer per 8 milioni: bisognava sostituire Neuer.

Ora che Neuer sta tornando per il portiere svizzero la via della panchina sarebbe un attimo. Per questo lui accetterebbe volentieri l’offerta interista. Solo che se il Bayern lo cede a 6 milioni (dopo averlo pagato 8), l’Inter vorrebbe comprarlo a 4 milioni.  E qui si complica tutto.

Ora però ci sarebbe la svolta. I nerazzurri hanno deciso infatti di affondare il colpo e versare nelle casse bavaresi quei 6 milioni che permetterebbero al giocatore elvetico di liberarsi e arrivare alla corte di Simone Inzaghi. Una scelta, quella dell’Inter, presa per non continuare ad aspettare e, soprattutto, per non rovinare i rapporti col Bayern che nelle ultime settimane ha fatto di tutto pur di trattenere il portiere in attesa di trovare il sostituto. Sarà la volta buona?

 

 

4 Agosto 2023
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo