Bologna
4:53 pm, 14 Luglio 23 calendario
3 minuti di lettura lettura

Alluvione: l’allarme di Bonaccini: «Niente fondi per gli indennizzi»

Di: Redazione Metronews
condividi

Mancano i soldi per gli indennizzi dei danni dell’alluvione. È il grido di allarme lanciato oggi dal presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, all’indomani dell’incontro a palazzo Chigi con la premier Meloni.

Secondo il presidente, tra le risorse messe a disposizione dal governo per il post alluvione «non c’è praticamente nulla per l’indennizzo dei danni alle imprese e alle famiglie, oltre quei 5mila euro che devono arrivare, dei quali 3 mila stanno arrivando nei conti correnti grazie a una procedura speditiva che stiamo sperimentando per la prima volta in Italia»

«Per il post alluvione servono centinaia di milioni»

«C’è bisogno di parecchie centinaia di milioni di euro che dobbiamo rendere esigibili, perché nei comuni il rischio è che non portano proprio i cantieri, perché se non c’è copertura finanziaria nessuno può procedere ad assegnare i lavori», ha attaccato. «Voglio avere fiducia che il governo metta presto di nuovo mano al portafogli: noi abbiamo sentito il governo dire che daranno il 100% del risarcimento dei danni alle famiglie e alle imprese e, peraltro, con sei governi precedenti, con il terremoto è andata esattamente così. Da parte mia c’è tutta la disponibilità a collaborare, col generale Figliuolo ci sentiamo più volte al giorno, ma c’è bisogno di strumenti e di risorse», ha aggiunto.

Servono 9 miliardi

Per Bonaccini i 2,5 miliardi stanziati fino ad ora aiutano, ma certamente non bastano per riparare i danni. «Bene i due miliardi e mezzo in tre anni – ha detto – ma servono nove miliardi. In quei due miliardi e mezzo ci sono gli interventi di somma urgenza che servono entro l’inverno a sistemare argini, fiumi e strade, per evitare che un fenomeno ordinario diventi straordinario. Ma poi c’è tutto il resto”.

14 Luglio 2023
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo