Serie A
9:37 pm, 14 Aprile 23 calendario

La Lazio sbanca La Spezia 3-0 e vola a +10 sull’Inter

Di: Redazione Metronews
condividi

La Lazio vola. Sbanca 3-0 il match a La Spezia nel secondo anticipo della giornata di A. Merito, per cominciare, di un rigore segnato da Ciro Immobile al 36′. A inizio ripresa, poi, il raddoppio di Felipe Anderson al 52′. E nel finale della ripresa, agli sgoccioli del tempo regolamentare, il 3-0 di Marcos Antonio. Da segnalare, prima della partita, disordini e tensioni tra ultrà delle opposte tifoserie. La Lazio ora è sempre più prepotentemente seconda, a 61 punti, +10 sull’Inter, +9 sul Milan e +8 sulla Roma (che però devono ancora giocare). Davanti a tutti, il Napoli a 74.

Lo Spezia parte forte: traversa di Bourabia

Ti aspetti una partenza a razzo della Lazio, invece gran parte del primo tempo è stata appannaggio dello Spezia di Semplici. Liguri vicinissimi al vantaggio in due occasioni: al 2′, un’azione di Ekdal e Verde offre il destro a Bourabia per un tiro che si stampa clamorosamente sulla traversa, a Provedel ampiamente battuto. Gli spezzini si fanno di nuovo sotto al 12′: assist di Bourabia e colpo di testa ravvicinato di Nzola fuori di pochissimo.

Anderson atterrato: rigore (Lapresse)

Lazio in contropiede, Immobile segna su rigore

Brividi, insomma, ai quali la Lazio tenta di reagire. Lo fa con due occasioni di rimessa. Al 20′, un bellissimo lancio di Cataldi innesca la corsa di Ciro Immobile, che viene però fermato (in modo peraltro dubbio, ma per l’arbitro è tutto regolare) dal difensore Ampadu e dal portierone Dragowski. La seconda occasione di contropiede porta invece al gol: al 33′, la corsa a perdifiato verso la porta di Felipe Anderson viene fermata ancora da Ampadu, che colpisce sì il pallone ma anche le gambe del brasiliano. Per Irrati stavolta è rigore, che Immobile trasforma con sicurezza, spiazzando Dragowski. Soezia sotto.

Immobile manca il raddoppio allo Spezia sottoporta

Lo stesso Immobile, però, sbaglia incredibilmente il raddoppio allo Spezia nel recupero del finale di frazione: una caparbia discesa sulla destra di Milinkovic-Savic produce un cross che Ciro, solo davanti alla porta spalancata, clamorosamente non aggancia, rimandando addirittura il pallone indietro. La Lazio comunque si sveglia, e preme; e Immobile ha ancora tempo di sfiorare il raddoppio allo Spezia prima del fischio che manda tutti negli spogliatoi.

Ripresa: raddoppio Lazio con Felipe Anderson

Il secondo tempo, dopo qualche minuto di “riscaldamento”, ricomincia con il raddoppio della Lazio: al 52′, un’azione finissima, insistita, tutta tocchi di prima, fra Immobile, Luis Alberto e Felipe Anderson, vede quest’ultimo, quasi sottoporta, infilare ancora Dragowski: 2-0 e conferma di un crescente dominio territoriale, legittimato poco dopo da un grande intervento di Provedel su gran tiro di Ekdal. Al 77′, dopo l’ingresso di Pedro per Immobile, altra azione di classe laziale: Felipe Anderson la conclude con un diagonale chirurgico che però Dragowski riesce a deviare.

Marcos Antonio (Lapresse)

Spezia in dieci, poi Marcos Antonio fa il 3-0

All’85’, Spezia ridotto in dicei uomini. Doppio giallo per Ampadu (per un suo intervento ruvido su Zaccagni). Qualche dolore anche per la Lazio, però: il “giallo” a Cataldi (poi sostituito da Marcos Antonio, poi ammonito a sua volta) gli costerà la squalifica contro il Torino al prossimo turno. Sigillo finale, all’89’. Proprio Marcos Antonio, lanciato in contropiede, semina la retroguardia dei liguri e infila la porta con relativa facilità. Terzo, fortissimo sigillo.

14 Aprile 2023
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo