il rigassificatore a Piombino
5:23 pm, 17 Marzo 23 calendario
3 minuti di lettura lettura

Piombino attende la nave rigassificatrice. Giani: “Ci sarò”

Di: Redazione Metronews
condividi

«So che ormai i tempi» per l’arrivo della nave rigassificatrice Golar Tundra a Piombino (Livorno) «diventano davvero di ore. Sarò avvertito nel momento in cui arriva e voglio essere lì per rendermi conto come si cala all’interno di quella struttura del porto dove sono stati fatti i lavori ed è tutto pronto».

Parole del presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, a margine di un evento a Firenze, parlando dell’arrivo della rigassificatrice che dopo aver superato il canale di Suez, sta navigando verso l’Italia. Secondo gli ultimi aggiornamenti la nave dovrebbe arrivare nel porto di Piombino nel corso della giornata di domenica.

Rigassificatore, nessuna certezza sulle compensazioni

Ancora nessuna certezza invece riguardo alle compensazioni che Piombino attende per la collocazione nel suo porto della nave. Ma il presidente della Toscana e commissario straordinario per il rigassificatore, Giani, è comunque ottimista. «Le avevo concordate con il governo precedente. Con il nuovo governo ancora non sono stato chiamato a ragionarne. Però penso che, come il nuovo governo è stato in continuità con il precedente nel volere la nave, perché è necessario per la nostra autosufficienza energica, sarà anche coerente con il precedente governo nell’accettare le compensazioni che io ho messo in modo molto chiaro nell’autorizzazione alla nave».

«Non ho motivi di ritenere che dopo che ci sarà la nave, il governo rinunci alle compensazioni – ha aggiunto Giani – quindi sono ottimista sul fatto che si faranno. Ne ho una dimostrazione: in queste ore è stato presentato dal gruppo Pd un emendamento che porta a aumentare le risorse da 40 milioni a più di 80 milioni sulle bonifiche di Piombino. Il ministro Fitto si è detto disponibile, abbiamo avuto un’interlocuzione positiva con lui», ha concluso.

17 Marzo 2023
© RIPRODUZIONE RISERVATA