7:01 pm, 25 Gennaio 23 calendario

Riforme: Casellati vede Psi, Maraio ‘serve nuovo assetto istituzionale’

Di: Redazione Metronews
condividi

Roma, 25 gen. (Adnkronos) – “Apprezziamo il metodo scelto dalla Ministra Casellati, incentrato sul confronto e sul dialogo con tutte le forze politiche, sulla delicata materia della riforma dello Stato”. Così il segretario del Psi, Enzo Maraio, e Valdo Spini ricevuti oggi dal Ministro per le Riforme istituzionali, Maria Elisabetta Alberti Casellati, nel quadro delle consultazioni promosse dal governo sulle riforme istituzionali.

“È necessario affrontare il tema delle riforme istituzionali ribadendo la necessità di avvicinare maggiormente i cittadini alle istituzioni e dare a queste più rappresentatività e più stabilità. La riforma sul presidenzialismo – aggiunge Maraio – si deve accompagnare inevitabilmente alla riforma della legge elettorale, per noi in senso proporzionale. La riforma dello Stato deve poggiare su contrappesi molto forti. Ora, con Camere dimezzate e partiti fragili, la proposta del Governo deve essere valutata con attenzione. E per quanto riguarda l’autonomia differenziata sarà necessario stabilire e finanziare prima i Lep, e l’istruzione deve rimanere assolutamente materia di competenza nazionale”.

Per Valdo Spini, già ministro e parlamentare socialista, “il sistema semi presidenziale, con un Presidente della Repubblica eletto dal popolo per un mandato temporale più lungo di quello del Parlamento, concatenato ad un sistema elettorale basato sul doppio turno di collegio, potrebbe sicuramente animare una maggiore partecipazione”. Negativo è invece il giudizio sull’elezione diretta del Presidente del Consiglio dei Ministri: un sistema che non esiste in nessuna nazione democratica , e che ridurrebbe la figura del presidente della Repubblica, che, a norma dell’articolo 87 della costituzione rappresenta l’unità nazionale, ad un ruolo più che altro esornativo. “Il nostro giudizio in materia – ha concluso Spini – è chiaro: se in un sistema si elegge qualcuno si elegge il vertice del sistema stesso, non il numero due”.

25 Gennaio 2023
© RIPRODUZIONE RISERVATA