Juventus nella bufera
3:06 pm, 18 Gennaio 23 calendario
2 minuti di lettura lettura

Agnelli lascia, nuovo cda: la Juventus è di Ferrero e Scanavino

Di: Redazione Metronews
condividi

Finisce l’era della Juventus di Andrea Agnelli. L’assemblea degli azionisti della Juventus ha nominato il nuovo cda della società bianconera. Il consiglio sarà composto da 5 componenti e resterà in carica per un triennio, con scadenza all’approvazione del bilancio 2025. Del nuovo cda fanno parte, su indicazione di Exor, Gianluca Ferrero, indicato come presidente, Maurizio Scanavino attuale dg della società che assumerà l’incarico di ad, Laura Cappiello, Diego Pistone e Fioranna Vittoria Negri.

Andrea Agnelli all’assemblea degli azionisti (foto www.juventus.com)

L’ex presidente Agnelli dà l’addio agli azionisti

All’assemblea degli azionisti ha preso la parola Andrea Agnelli: «Con le assemblee delle società quotate alle quale partecipo come consigliere farò un passo indietro, è stata una mia decisione personale presa in accordo con John (Elkann, ndr) con il quale il rapporto rimane assolutamente strettissimo su quella che è la condivisone dello sviluppo strategico del Gruppo, AjaY Banca e Carlos Tavares. La mia volontà è, dopo un periodo così intenso, di poter affrontare il futuro con una pagina bianca libera e forte e quindi il passo indietro lo reputo indispensabile». Interpellato dall’Adnkronos, l’ex presidente Giovanni Cobolli Gigli ha così detto di Agnelli: «Per prima cosa bisogna tributare un ringraziamento ad Andrea Agnelli per quello che ha fatto nel lungo periodo della sua presidenza: 8 scudetti sono merito suo. Il momento critico, che ho sempre sollevato, è stato l’acquisto di Cristiano Ronaldo, che ha portato problemi interni nello spogliatoio: ogni gol che faceva costava circa un milione e mezzo alla società, ed è costato anche l’uscita di Marotta, collaboratore validissimo di Agnelli mentre gli altri che gli sono succeduti non altrettanto».

Scanavino e Ferrero (foto www.juventus.com)

Juventus, il neopresidente Ferrero affronterà le prossime sfide

«Assumo oggi l’incarico di presidente con grande emozione orgoglio»: così Gianluca Ferrero, neo presidente della Juventus, in un breve incontro con la stampa al termine dell’assemblea degli azionisti che ha nominato il nuovo cda del club bianconero. «Insieme al cda lavoreremo per costruire un futuro per la Juventus all’altezza del suo passato glorioso», ha aggiunto, ringraziando poi Agnelli. Determinazione, rigore e pacatezza, ha detto Ferrero, sono le doti che serviranno per superare i prossimi ostacoli: «Nei prossimi mesi ci aspettano delle sfide per le quali come cda riteniamo di avere l’esperienza, la competenza, la determinazione per difendere la Juventus in tutte le sedi competenti, penale, sportiva e civile».

Per Scanavino (dg) «obiettivi e ambizioni della Juventus non cambiano»

Ha parlato anche Scanavino: «Ci concentreremo per allargare il pubblico degli affezionati della Juventus, per aggiungere al nostro enorme pubblico classico target giovani e internazionali. Sicuramente obiettivi e ambizioni sportivi non cambiano, così come non cambiano quelli aziendali, anche questo è parte della storia della Juventus, che è sempre riuscita a coniugare successi sul campo con equilibrio finanziario e grandi progettualità commerciali. Questo è quello che ci proponiamo di un fare anche per il futuro». Quanto a sé, Scanavino dice: «Garantirò il massimo impegno per la Juventus, metterò a disposizione tutta l’esperienza che ho maturato anche alla guida di altre società e di altri settori. In questi due mesi intensi da direttore generale, ho trovato persone motivate, capaci, che lavorano con passione, insieme a progetti già avviati con una prospettiva più lunga».

18 Gennaio 2023
© RIPRODUZIONE RISERVATA