Ucraina
6:46 pm, 14 Gennaio 23 calendario
4 minuti di lettura lettura

Escalation russa in Ucraina, raid su un condominio

Di: Redazione Metronews
Raid su condominio
condividi

Escalation russa in Ucraina. Uno dei raid dell’esercito di Mosca ha colpito un condominio di civili a Dnipro. Almeno 5 le vittime civili accertate finora. Esplosioni anche a Kiev e negli oblast di Khmelnytskyi, Ternopil, Dnipropetrovsk, Ivano-Frankivsk, Vinnytsia. Secondo il Kyiv Independent, la metro di Kharkiv è stata temporaneamente bloccata a causa di un blackout elettrico dovuto al raid. Per lo stesso motivo molti quartieri di questa città sono al buio.

Escalation russa in Ucraina, raid su un condominio

Nel condominio colpito a Dnipro oltre alle cinque persone decedute ci sono decine di feriti, tra i quali due bambini. «Memoria eterna per tutti coloro le cui vite sono state prese dal terrore russo! Il mondo deve fermare questo male». Lo ha dichiarato il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, commentando il raid russo. In un messaggio su Telegram, Zelensky ha sottolineato che i servizi di emergenza stanno lavorando per rimuovere le macerie e salvare vite umane.

Black out in diverse regioni

Negli attacchi missilistici russi di oggi, sono state danneggiate le infrastrutture energetiche in 6 regioni: Kharkiv, Leopoli, Ivano-Frankivsk, Zaporizhzhia, Vinnytsua e Kiev.

«Il nemico ha nuovamente attaccato gli impianti di generazione e le reti elettriche del Paese», ha fatto sapere il ministro dell’Energia ucraino, German Galushchenko, rifernedo che in molte delle regioni sono stati introdotti blackout di emergenza. Il ministro ha assicurato che si sta già lavorando per ripristinare le forniture di corrente elettrica, secondo quanto riportano i media locali.

Il capo di Wagner premia i mercenari

Nonostante Kiev continui a smentire che l’insediamento di Soledar, vicino a Bakhmut, non sia caduto in mano russa come rivendicato ieri da Mosca, il capo del gruppo di mercenari Wagner, Evgheny Prigozhin, si è recato sul posto per consegnare medaglie agli uomini che hanno «preso» la cittadina.

In un video trasmesso sul suo canale Telegram, presumibilmente da Soledar, Prigozhin presenta il comandante del gruppo d’assalto che ha guidato l’operazione a Soledar e consegna medaglie e racconta i principi e valori che guidano la Wagner. Ieri, anche il ministero della Difesa russo – in aperta rivalità con Prigozhin – aveva dovuto ammettere la partecipazione dei mercenari alla «liberazione» dell’insediamento, che per Mosca avvicinerebbe la presa poi della più strategica Bakhmut.

(Nella foto il condominio bombardato a Dnipro)

14 Gennaio 2023
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo