Torino
4:18 pm, 21 Dicembre 22 calendario
3 minuti di lettura lettura

Numeri da record per il Consiglio comunale

Di: Redazione Metronews
condividi

Tempo di bilanci per il Consiglio comunale di Torino, che chiude il 2022 con 45 sedute, 79 deliberazioni approvate (a fronte delle 136 del 2021), 87 mozioni e 32 ordini del giorno. Inoltre sono state discusse 378 interpellanze e 7 interpellanze del cittadino, 54 le comunicazioni concesse su 155 richieste e 36 sopralluoghi delle Commissioni consiliari (quadriplicati rispetto al 2021). A dare i numeri, oggi, la presidente Maria Grazia Grippo, per la quale «Il 2022 è stato per il Consiglio comunale un anno di piena attività e anche di rilancio».

A raggiungere il record delle presenze è stato il capogruppo della Lista Civica per Torino, Silvio Viale, con 504 presenze fra Consiglio e Commissioni, seguito dal capogruppo M5s, Andrea Russi, con 438. Fanalino di coda, a quota 25, il capogruppo di Torino Bellissima, Paolo Damilano. È stato anche registrato un vero boom per le visite guidate alle sale auliche e al rifugio antiaereo di Palazzo Civico, passando da 100 visitatori nel 2021 a 2.778. Un interesse per l’amministrazione che si ripete anche a livello virtuale, con un aumento del 44% di accessi alla home page di CittAgorà e un incremento dei follower sui social, del 18% su Facebook, del 7,5% su Twitter e del 9% su Instagram.

Tanto che Grippo ha annunciato per il 2023 la volontà di «replicare l’iniziativa “I palazzi delle istituzioni si aprono alla città” e l’avvio di una relazione inedita e stabile con le guide professionali a rafforzare questa attività».

«Consiglio vivo grazie anche alle opposizioni»

Nella conferenza stampa di fine anno il vicepresidente vicario Domenico Garcea ha invece posto l’accento «sull’elevato numero di interpellanze e comunicazioni, che significano grande vitalità dei consiglieri di minoranza». «Questo – ha aggiunto – è un valore aggiunto per la vita democratica della città. Sono anche state discusse 7 interpellanze del cittadino, uno strumento che spero venga utilizzato con crescente entusiasmo perché significa avvicinarsi sempre di più i cittadini e aumentare il protagonismo civico».

La vicepresidente Ludovica Cioria, diventata mamma durante la consiliatura, ha ricordato «la modifica al regolarmento consiliare che consente alle neo mamme e neo papà di collegarsi da remoto e poter così continuare a svolgere l’attività consiliare. Siamo l’unico comune in Italia ad averlo fatto finora e speriamo di fare da apripista di una buona prassi che ci auguriamo possa essere sempre più diffusa».

Leggi di più:

Mozione bipartisan per il registro dei figli di coppie omogenitoriali

21 Dicembre 2022
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo