Teatro Firenze
12:30 pm, 24 Novembre 22 calendario

Navello porta La Colonia di Marivaux alla Pergola

Di: Redazione Metronews
condividi

TEATRO Dal 30 novembre al 3 dicembre arriva al Teatro della Pergola di Firenze, dopo l’anteprima nazionale al Teatro Era di Pontedera il 16 novembre, La Colonia, testo utopistico scritto da Marivaux nel 1750, che narra di una rivolta di donne, dopo un naufragio su un’isola deserta, contro i mariti che vogliono legiferare senza coinvolgerle, per costruire un nuovo mondo in quella colonia sperduta in mezzo all’oceano.

La Colonia, un’opera sulla condizione femminile

Un’opera sulla condizione femminile scelta dal regista Beppe Navello, che l’ha anche tradotta in lingua italiana. Con le scene e costumi di Luigi Perego, le musiche di Germano Mazzocchetti e le luci di Orso Casprini, la commedia è pensata per numerosi personaggi – più della metà sono donne, rarità nella tradizione teatrale – ai quali Marivaux offre la possibilità di misurarsi con molteplici registri interpretativi.

Le tematiche espresse, che hanno molto a che fare con la nostra attualità, erano uno dei più controversi argomenti nel dibattito filosofico e sociale dell’Illuminismo francese.

La Compagnia di Sala Prove sul palco

La compagine di interpreti, che fa parte de la Compagnia di Sala Prove, nata una decina di anni fa proprio grazie allo stesso Beppe Navello, è composta da Daria Pascal Attolini, Marcella Favilla, Luigi Tabita, Stefano Moretti, Maria Alberta Navello, Fabrizio Martorelli, Giuseppe Nitti, Cecilia Casini, Giulia Lanzilotto, Claudia Ludovica Marino, Erica Trinchera e Alessandro Panatteri.

Navello e Marivaux

Proprio in questi giorni, fino al 27 novembre, Beppe Navello è al Piccolo Teatro Grassi di Milano con un altro testo di Marivaux, La seconda sorpresa dell’amore, tradotto per la prima volta in italiano dallo stesso regista: quasi due ore per un commedia corale sulle diverse pieghe delle relazioni, del corteggiamento, della gelosia e del timore di manifestare i propri sentimenti in un universo, quello di Marivaux, in cui l’amore si colora di sfaccettature diverse, tra dolori e risate.

 

24 Novembre 2022
© RIPRODUZIONE RISERVATA