Champions League
11:36 pm, 12 Ottobre 22 calendario
2 minuti di lettura lettura

Barcellona, l’Inter spreca ma il pari è d’oro: 3-3

Di: Sergio Rizza
condividi

Una Inter eccezionale sfiora la vittoria a Barcellona, la spreca, ma alla fine porta via un 3-3 che vale oro. Gli ottavi di finale sono davvero vicinissimi.

L’Inter a Barcellona va sotto nel primo tempo

Una prestazione eccezionale, davvero, e un pareggio, 3-3, che avrebbe potuto essere ben altro. L’Inter esce a testa altissima dal Camp Nou, sfiorando la vittoria, mangiandosela, ma avvicinandosi comunque ai sospirati ottavi. Il Bayern espugna Plzen 4-2. Inter 2ª a 7 punti (il Bayern primeggia a 12 ed è già agli ottavi), Barça a 4, i cechi chiudono a zero. Prossime partite il 26 ottobre (Inter-Plzen e Barcellona-Bayern) e l’1 novembre (Bayern-Inter e Plzen-Barça).

A segno anche Gosens per il momentaneo 3-2 (Lapresse)

Nella ripresa capolavori di Barella e Lautaro Martinez

Inzaghi sceglie quasi lo stesso 11 di S.Siro, con Calhanoglu regista e Mkhitaryan a centrocampo, con Dzeko per Correa e Dumfries per Darmian. Inter autorevole. Due occasioni ghiottissime: al 16’ traversa di Dzeko, che arpiona una punizione magistrale di Calhanoglu; al 28’ Dumfries spreca in contropiede. Ma i catalani crescono nel finale, e al 40’ un cross rasoterra di Sergi Roberto coglie la difesa nerazzurra nella sua unica disattenzione: Dembélé si avventa e segna l’1-0. Mkhitaryan in ombra.

Lewandowski tiene a galla i catalani: 3-3, un pari d’oro per l’Inter

Nella ripresa sale in cattedra l’Inter. Al 50’ Barella controlla col petto un lancio al bacio di Bastoni e fulmina ter Stegen: 1-1. Dopo alcune puntate pericolose di Calhanoglu e Dumfries, passa la Beneamata: al 63’, un lancio-capolavoro di Calhanoglu viene sfruttato dal Toro. Tiro secco, doppio palo e gol del 2-1. Il Barça sbanda ma viene tenuto a galla da Lewandowski: girata fulminea da centro area per il 2-2. All’89 Gosens urla il 3-2, finalizzando un contropiede innescato da Onana e ricamato da un Toro splendido. Ma al 91’ è ancora Lewandowski a firmare, di testa, il 3-3. Finita? Non ancora. Al 96’ Asllani, ispirato dal Toro Scatenato, si mangia, letteralmente, il 4-3. Finisce comunque bene. Inzaghi espulso. Lautaro e Calhanoglu i migliori su tutti, addirittura magistrali. Il Toro è proprio tornato.

12 Ottobre 2022
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo