Cinema
4:50 am, 4 Agosto 22 calendario

Ricordando Franco Brusati e Marilyn Monroe

Di: Redazione Metronews
condividi

TV Rai Movie celebra oggi il centenario dalla nascita del regista Franco Brusati con due film in prima e seconda serata: alle 21.20 andrà in onda Il disordine (1962), apologo sull’impenetrabilità invincibile dei rapporti di classe, e alle 22.55 il più recente Il buon soldato (1982) con Mariangela Melato.

Gli inizi di Brusati nel cinema

Nato a Milano nel 1922, Franco Brusati (https://it.wikipedia.org/wiki/Franco_Brusati) si trasferisce nel 1949 a Roma, dove comincia a lavorare nel cinema come aiuto regista di Renato Castellani, Roberto Rossellini e Mario Camerini e come sceneggiatore per numerosi film.

Nel 1955 esordisce nella regia. I film di Brusati (fra le prove più interessanti, oltre a Pane e cioccolata, Il disordine, Tenderly, I tulipani di Haarlem, Dimenticare Venezia (candidato all’Oscar per il migliore film straniero nel 1980), si sviluppano su due immagini-guida: la casa e il viaggio.

La casa è intesa come nostalgia del passato (Dimenticare Venezia) mentre il viaggio esprime proprio la ricerca di una nuova casa, ancora e forse per sempre, negata.

Il disordine di Franco Brusati

Questa la trama de Il disordine: in cerca di un lavoro nella caotica Milano degli anni Sessanta, culla del neocapitalismo italiano, Mario cerca di affermarsi frequentando le persone che contano negli ambienti altoborghesi: un magnate dell’industria, una signora capricciosa e un gruppo di snob tormentati.

Brusati rappresenta la disgregazione morale e sociale degli anni del boom economico in tre episodi collegati dalla figura del protagonista, personaggio affascinante che attraversa, passando per la sua insoddisfazione, un complesso turbine di sentimenti.

Il buon soldato su Rai Movie

A seguire, sempre su Rai Movie (https://www.rai.it/raimovie/), Il buon soldato di Brusati. La vicenda ruota attorno a Marta che, sposata infelicemente, incontra un giorno alla stazione Tommaso, un ragazzo che sta partendo per il servizio militare e che da bambino era presente al suo matrimonio. L’incontro tra i due è breve, ma determinante per la donna che riceve coraggio e una nuova fiducia nella vita: decide di separarsi dal marito e dall’egoismo dei genitori, ma soprattutto di dedicare più tempo alla figlia. Finito il militare, Marta e Tommaso iniziano a frequentarsi, ma Marta si sente troppo vecchia, così lui decide di tornare alla vita militare, ma non sarà una scelta facile.

Sessant’anni fa moriva Marilyn Monroe

Sessant’anni fa, nella notte tra il 4 e il 5 agosto 1962, nella sua abitazione a Los Angeles, Marilyn Monroe si spegneva, a 36 anni per un’overdose di barbiturici: la biondissima Marilyn Monroe (https://it.wikipedia.org/wiki/Marilyn_Monroe) che nasconde l’anima della castana Norma Jeane Mortenson, era la pin-up che incarnava un nuovo modello di femminilità e sessualità. Attorno alla sua morte, come a quella di tante altre star, aleggia ancora oggi un alone di mistero che sbiadisce se la si vede nei film di cui è stata protagonista: da Quando la moglie è in vacanza in cui nel 1955 era diretta da Billy Wilder, a Niagara, il film del 1953 per la regia di Henry Hathaway, passando per La magnifica preda di Otto Preminger, e la commedia Gli uomini preferiscono le bionde  firmato da Howard Hawks.

Durante la prossima Mostra del Cinema di Venezia verrà presentato Blonde,  regia di Andrew Dominik, con Ana De Armas nel ruolo di Marilyn. Il film sarà su Netflix dal 23 settembre

La De Armas nel trailer del film ammette: «Ho interpretato Marilyn Monroe, Marilyn Monroe, Marilyn Monroe. Non ce la faccio a fare un’altra scena da Marilyn Monroe. Esiste solo sullo schermo, fuori sono Norma Jeane». Un trailer che ha fatto discutere numerosi fan per l’accento “troppo cubano” della modella e attrice. Dalla sua parte si sono già schierati gli eredi di Marilyn e il coproduttore del film Brad Pitt che ha definito l’interpretazione della de Armas  “fenomenale”. Insomma: a sessant’anni dalla sua morte, Marilyn torna a far parlare di sé, ammesso che si sia mai smesso di farlo.

P.P.

4 Agosto 2022 ( modificato il 3 Agosto 2022 | 17:09 )
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo
Articoli correlati
Cinema
Al via l’edizione 2024 di “Cartoons on the Bay” da Pescara
Il festival internazionale dell’animazione, della transmedialità e delle meta arti in programma fino al 2 giugno ospita, fra gli altri, John Musker, Leslie Iwerks, Juanio Guarnido e Sara Pichelli
Cinema
Catrinel Marlon: «I manicomi oggi sono tra le mura domestiche»
L'ex modella e attrice debutta alla regia del film “Girasoli” dal 23 al cinema in cui affronta il tema dei reparti pediatrici nei manicomi. Nel cast, Gaia Girace, Mariarosaria Mingione e Monica Guerritore
Cinema
Cannes, Roberto Andò torna in Sicilia per “L’Abbaglio”
Presentato al Festival di Cannes il nuovo film diretto da Roberto Andò, che dopo il grande successo de “La Stranezza”, è tornato a girare in Sicilia per “L’Abbaglio”. Nel cast si ritrovano nuovamente insieme Toni Servillo, Salvo Ficarra e Valentino Picone,  protagonisti del film
Cinema
“Io sono un po’ matto e tu?”, sold out a Roma e Milano per il film di D’Ambrosi
Presentato in anteprima nazionale al Torino Film Festival, il film del fondatore del Teatro Patologico sarà proiettato stasera al cinema Adriano di Roma e domani al Gloria di Milano. Oltre al regista, parteciperanno anche diversi attori del cast
Cinema
Addio a Mark Damon, protagonista degli spaghetti western
L’attore statunitense che conquistò il successo a Cinecittà, protagonista di numerosi spaghetti western prima di dedicarsi alla distribuzione cinematografica all’estero e di produrre film come “9 settimane e mezzo”, “Orchidea selvaggia” e “La storia infinita”, è morto per cause naturali a Los Angeles all’età di 91 anni