Torino
4:57 pm, 21 Luglio 22 calendario
3 minuti di lettura lettura

Lo Russo: «Caduta Draghi è catastrofe per le periferie»

Di: Redazione Metronews
condividi

«Una catastrofe per le periferie». Così oggi il sindaco di Torino, Stefano Lo Russo, ha commentato la caduta del Governo Draghi di ieri. Secondo il primo cittadino infatti, gli effetti della crisi si riverbereranno sulla città: «Per gli scherzetti del Movimento 5 Stelle, della Lega, di Forza Italia ci rimettono le periferie torinesi. Una catastrofe vera per le note periferie». Una crisi, dice, che «incrementa moltissimo il livello di incertezza sulle risorse. Ricordiamoci che i fondi del Pnrr sono subordinati alle riforme strutturali e l’Europa li erogherà solo se l’Italia farà riforme strutturali importanti, come ad esempio quella della Concorrenza. Quindi – aggiunge – questa caduta del Governo mette in discussione i 209 miliardi che l’Unione Europea deve dare all’Italia e, a cascata, mette in discussione tutti i progetti Pnrr su cui abbiamo lavorato in questi mesi a partire da quelli del Comune di Torino».

E fra questi Lo Russo cita il Piano periferie, «113 milioni di euro di investimenti sulle periferie torinesi – spiega – su cui adesso il livello di incertezza è cresciuto in maniera esponenziale. Nei prossimi giorni coi nostri uffici faremo una ricognizione per capire quello che in qualche modo, qualora venissero meno le risorse europee, dovremo togliere dal nostro piano di investimenti. Per gli scherzetti del Movimento 5 Stelle, della Lega, di Forza Italia ci rimettono le periferie torinesi».

«Spero che a qualche moderato del centrodestra venga il dubbio di aver fatto una colossale stupidaggine a seguire la linea Meloni-Salvini», ha aggiunto il sindaco, «A me non stupisce che di ora in ora ci siano fuoriuscite dal centrodestra, perché è stato un comportamento scandaloso, soprattutto da parte di Forza Italia. Il rischio è che questi signori se ne stiano tranquilli e a pagare le conseguenze di queste azioni sia il cittadino della periferia, che aveva una riqualificazione in arrivo e che adesso rischia di perderla», ha concluso.

21 Luglio 2022
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo