storia
8:37 pm, 13 Luglio 22 calendario

Battaglia di Waterloo, ritrovati scheletri di soldati e cavalli

Di: Redazione Metronews
La battaglia di Waterloo
condividi

La Battaglia di Waterloo svela nuove tracce dal passato. Sul luogo del celebre scontro guerresco sono infatti stati ritrovati in Belgio scheletri di soldati e cavalli.

Una scoperta «incredibilmente rara» realizzata da un team di archeologi. Gli scavi, fermi al 2019 prima della pandemia, sono ripresi per la prima volta e potrebbero portare ad altri ritrovamenti preziosi sul sito teatro della celebre battaglia combattuta il 18 giugno 1815, che segnò la fine delle guerre napoleoniche.

«Non ci eravamo mai così tanto avvicinati alla dura realtà di Waterloo», ha dichiarato Tony Pollard, uno dei responsabili del progetto, direttore del Center for Battlefield Archaeology dell’Università di Glasgow e direttore archeologico dell’organizzazione benefica Waterloo Uncovered. «Sono un archeologo sul campo di battaglia da 20 anni e non ho mai visto niente di simile», ha aggiunto l’esperto.

Waterloo, una svolta storica

Tra i reperti degli ultimi scavi, sono stati scoperti resti di tre arti amputati nella fattoria di Mont-Saint-Jean, che durante la battaglia fu sede del principale ospedale da campo del duca di Wellington. Decine di migliaia di persone sono morte nei combattimenti, ma finora sono stati trovati pochi resti. Secondo i resoconti contemporanei, un gran numero di ossa veniva raccolto, macinato e utilizzato come fertilizzante nelle fattorie della zona.

La fine di Napoleone

A Waterloo l’esercito francese al comando di Napoleone fu sconfitto dalle forze a guida britannica, dal duca di Wellington, alleato con un esercito prussiano, sotto la guida del maresciallo von Blucher.

Gli storici descrivono la battaglia come un punto di svolta nella storia europea che pose fine all’ambizione di Napoleone di governare gran parte dell’Europa, oltre ad aver rimodellato le relazioni della Gran Bretagna con il continente.

13 Luglio 2022
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo