Roma
6:23 pm, 5 Luglio 22 calendario
5 minuti di lettura lettura

Droni per trasportare plasma e organi: sperimentazione nel Lazio

Di: Redazione Metronews
Droni per trasportare plasma o organi
condividi

Droni per trasportare plasma, organi, farmaci e dispositivi medici. Il Lazio è una delle prime regioni italiane ad avviare la sperimentazione. Oggi la regione e l’Enac (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile) hanno firmato un protocollo nell’ambito della promozione della Mobilità Aerea Avanzata (AAM).

Droni per trasportare plasma e organi: sperimentazione nel Lazio

Con questo sistema tecnologicamente avanzato i servizi delle Aziende sanitarie regionali miglioreranno. Potranno infatti intervenire con maggiore tempestività ed efficacia sfruttando in maniera flessibile la terza dimensione, quella aerea.

L’iniziativa partirà nel 2023 e fa parte di un più ampio progetto di Mobilità Aerea Avanzata che in futuro sarà in grado di trasportare anche persone e merci. Il Protocollo, firmato questa mattina dal Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e dal Presidente dell’Enac Pierluigi Di Palma, avrà una durata di 3 anni e prevede diverse fasi che includono lo studio dell’ambiente normativo sia aeronautico che urbanistico, operativo e tecnico, e l’analisi delle rotte utilizzabili e delle infrastrutture idonee per svolgere i servizi di mobilità aerea sul territorio del Lazio.

Grazie alla collaborazione con Enac saranno individuate le soluzioni per consentire ai droni di consegnare farmaci, plasma, organi e dispositivi medici e campioni biomedicali in caso di necessità. Il sistema di Mobilità Aerea Avanzata, declinato in questo particolare genere di trasporto, permetterà di utilizzare in maniera integrata la dimensione aerea in alternativa alla mobilità terrestre, con diversi vantaggi che miglioreranno la condizione di vita dei pazienti e potranno risolvere situazioni di emergenza. Consentirà inoltre anche un basso impatto ambientale locale grazie alla riduzione dei consumi, del rumore e delle emissioni. I droni potranno percorrere una distanza di 30 chilometri.

In occasione della firma del Protocollo è stata inaugurata, in collaborazione con Leonardo e AdR, un’area sperimentale, chiamata «sandbox», dove un drone a propulsione elettrica ha simulato il trasporto urgente di materiale biomedicale dall’aeroporto verso il centro urbano, utilizzando una modalità di controllo automatico.

All’evento hanno partecipato Ivan Bassato, Business Unit Aviation di Aeroporti di Roma, Esterino Montino, Sindaco del Comune di Fiumicino e Laurent Sissmann, Senior Vice President – Unmanned Systems del Gruppo Leonardo. In occasione della firma del Protocollo è stata inaugurata, in collaborazione con Leonardo e AdR, un’area sperimentale, «sandbox», dove un drone a propulsione elettrica ha simulato il trasporto urgente di materiale biomedicale dall’aeroporto verso il centro urbano, utilizzando una modalità di controllo automatico.

 

Zingaretti: «meno spesa pubblica e più efficienza»

Sul fronte dei benefici c’è anche un abbattimento della spesa pubblica. A spiegarlo il governatore del Lazio, Nicola Zingaretti: «Con questa nuova tecnologia si aumenta la qualità dei servizi pur riducendo i costi, soprattutto della spesa pubblica, nonché le possibilità occupazionali per un lavoro di qualità», ha detto.

Soddisfazione è stata epressa dal presidente di Enac, Pierluigi Di Palma: «Con questo progetto si facilita la vita delle persone e si efficienta il servizio». Il sindaco di Fiumicino, Esterino Montino ha agguunto: «Il nostro territorio è la parte della metropoli romana che presenta più innovazioni».

5 Luglio 2022
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo