concorrenza
10:40 pm, 24 Giugno 22 calendario

Taxi in rivolta: sciopero il 5 luglio, astensioni selvagge in molte città

Di: Redazione Metronews
condividi

Sciopero di 48 ore dei taxi contro il disegno di legge Concorrenza. I sindacati, secondo quanto si apprende, hanno proclamato uno sciopero per il 5 e il 6 luglio. Ma la protesta è già in atto con astensioni collettive che in molte città italiane bloccano di fatto il servizio.

Lo sciopero dei taxi

Ieri contro le astensioni collettive registrate in molte città italiane era intervenuto il Garante degli scioperi.  «Con riferimento agli episodi di astensioni collettive poste in essere da parte dei conducenti di taxi sul territorio nazionale, riportate dalle principali agenzie di stampa, il Garante degli scioperi ritiene opportuno rammentare che tutte le manifestazioni di protesta nei servizi pubblici essenziali devono essere effettuate nel rispetto dei termini e delle modalità previsti dalla legge n. 146 del 1990 e ss.mm., nonchè dalla Regolamentazione provvisoria del settore. Al di fuori di una legittima proclamazione di sciopero, non è sufficiente garantire le sole corse di emergenza, ma deve essere assicurato il regolare svolgimento del servizio nella sua interezza», ha dichiarato in una nota il presidente della Commissione di garanzia sugli scioperi, Giuseppe Santoro-Passarelli. 

Il Comune di Napoli e Anm (azienda comunale del trasporto pubblico) ieri ha deciso il raddoppio delle corse di Alibus, la linea su gomma che collega l’Aeroporto internazionale di Capodichino, la Stazione centrale di piazza Garibaldi e il Porto di Napoli, proprio per “limitare i disagi” causati dallo “sciopero senza preavviso dei taxi, che protestano contro le liberalizzazioni del Decreto concorrenza”. Tensioni e disagi si erano verificati  per una protesta non annunciata dei taxi che stazionano all’aeroporto di Capodichino. Nel corso di una manifestazione non autorizzata sarebbero stati anche «aggrediti due autisti di Ncc rispettivamente davanti a un hotel e al Molo Beverello e molti altri minacciati», aveva detto Francesco Artusa, presidente di Sistema Trasporti, associazione per il trasporto privato di Ncc auto e bus turistici.

24 Giugno 2022 ( modificato il 25 Giugno 2022 | 10:51 )
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo