Mercati
7:00 pm, 20 Giugno 22 calendario

Effetto Lagarde sulle borse, Piazza Affari risale, lo spread a 203,5

Di: Redazione Metronews
condividi

La Borsa di Milano ha chiuso in rialzo, in linea con gli altri listini europei. L’indice Ftse Mib, nonostante lo stacco di alcune cedole importanti, ha guadagnato lo 0,99% e si è riportato sopra la soglia dei 22.000 punti, a quota 22.004. A trainare i listini, nel finale, sono state le parole della presidente della Bce, Christine Lagarde, che, in audizione al Parlamento europeo, ha sottolineato a più riprese la «determinazione» dell’Eurotower nel combattere ogni rischio di frammentazione della politica monetaria.

Trainano le banche

Ad aiutare il risultato di Piazza Affari è stato il comparto bancario. Unicredit, miglior titolo dell’indice principale, ha registrato un balzo del 4,42%. Banco Bpm è salita del 4,31%, Intesa Sanpaolo del 3,83% e FinecoBank del 3,28%. In luce l’automotive. Iveco Group ha segnato un rialzo del 2,41% nel giorno in cui ha annunciato l’intenzione di tornare a produrre autobus a marchio Iveco in Italia. Ben comprata Ferrari (+2,81%). Acquistata Tim (+2,62%). In territorio negativo si sono invece mosse le utility. Hera ha perso il 5,61%, A2a il 5,48%, Snam il 2,89% e Terna il 2,58%. Nel lusso giù Moncler (-0,35%) e positive Salvatore Ferragamo (+1,56%), Tod’s (+0,88%) e Brunello Cucinelli (+0,44%).

Lagarde promette strumenti contro frammentazione

Le parole di Lagarde, che ha anche confermato l’intenzione della Bce di alzare i tassi sia a luglio che a settembre, hanno risollevato pure l’euro. Il primo ritocco, ha confermato la numero uno dell’istituto di Francoforte sarà dello 0,25%, mentre l’entità del secondo «dipenderà dalle prospettive aggiornate dell’inflazione a medio termine». Quindi potrebbe essere oltre lo 0,25 %. La divisa unica europea si è collocata in zona 1,0530 contro il dollaro e a circa 142,10 contro lo yen. Stabile sul filo di quota 135 il cambio tra il biglietto verde e la valuta giapponese.
Poco mosso ha terminato invece lo spread tra Btp decennali e omologhi Bund tedeschi, che pure era tornato sotto quota 200 punti subito dopo l’intervento di Lagarde. Il differenziale ha chiuso la giornata a 203,5 punti contro i 205 dell’apertura. Il rendimento dei Buoni italiani si è posizionato al 3,788%. «Chiunque dubitasse della nostra determinazione» di lottare contro i rischi di frammentazione della Bce «si sbaglierebbe di grosso». E’ un monito alla “whatever it takes” quello formulato dalla presidente della Bce. Tuttavia, davanti all’incalzare delle domande sullo strumento anti-frammentazione sul quale l’Eurotower ha iniziato a lavorare Lagarde non ha dato ulteriori chiarimenti.

20 Giugno 2022
© RIPRODUZIONE RISERVATA