Milano
4:48 pm, 1 Giugno 22 calendario
3 minuti di lettura lettura

Alberto Genovese, la difesa: «Capacità di intendere deteriorata»

Di: Redazione Metronews
Alberto Genovese
condividi

I periti della difesa di Alberto Genovese sostengono che l’ex imprenditore accusato di due violenze sessuali aveva una «capacità di intendere e di volere deteriorata dall’abuso di stupefacenti».

Nel corso dell’udienza il gup Chiara Valori ha ammesso Genovese al processo con rito abbreviato dopo che i legali dell’ex imprenditore hanno depositato la consulenza psichiatrica.

Violenza sessuale, la difesa di Genovese: «Capacità di intendere deteriorata»

Il quadro clinico di Alberto Genovese «all’epoca dei fatti era caratterizzato da un disturbo cronico da abuso di sostanze stupefacenti in comorbidità con un disturbo psicotico secondario all’uso di sostanze». Una condizione inserita in un disturbo della personalità «con la presenza di tratti istrionici, narcisistici e ossessivo compulsivi».

Lo sostengono i professori Pietro Pietrini e Giuseppe Sartoni nella consulenza tecnica che gli avvocati Luigi Isolabella e Davide Ferrari, hanno consegnato al gup di Milano Chiara Valori che oggi ha detto sì al processo abbreviato condizionato proprio alla consulenza.

Il disturbo del comportamento, secondo gli esperti, ha impattato sulla attività lavorativa dell’imputato e non solo. «L’alterazione cognitiva dovuta all’abuso di sostanze di quella sera ha impedito a Genovese di discernere pienamente i confini tra il consenso iniziale della ragazza nel voler avere rapporti sessuali in quelle condizioni e assumere ketamina e il successivo venir meno del consenso. Come pure ha inficiato la sua capacità di altrimenti determinarsi nel comprendere quando fosse il momento opportuno di fermarsi».

Per questa ragione «riteniamo che la capacità di intendere e di volere di Genovese fosse, al momento dei fatti, quantomeno grandemente scemata».

Per quanto riguarda la pericolosità sociale, «essa è correlata ed è espressione diretta della patologia che lo affligge, nello specifico del disturbo cronico da abuso di sostanze».

Inserito da mesi in un contesto protetto e di recupero, cessata l’assunzione di qualsiasi sostanza, «risulta essere una persona prudente e priva di pericolosità sociale».

La consulenza sottolinea infine:  «La concreta prospettiva di recupero post condanna è inoltre rimarcata da ulteriori elementi nel corso del colloquio. La coscienza nel saper distinguere tra il “sapere” di dover smettere di far uso di sostanze e il “sentire” di dover smettere. La volontà di riscatto sociale in termini di investimento del proprio tempo verso progetti volti al recupero e al placement lavorativo dei pazienti ex-tossicodipendenti che hanno appena terminato un percorso di cura».

 

1 Giugno 2022
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo