Roland Garros
4:01 pm, 31 Maggio 22 calendario
2 minuti di lettura lettura

Per Martina Trevisan una storica semifinale a Parigi

Di: Redazione Metronews
condividi

TENNIS – Impresa di Martina Trevisan. La 28enne fiorentina, numero 53 del mondo, giunge in semifinale al Roland Garros. Ha battuto in tre set la canadese Leylah Annie Fernandez 6-2 6-7 6-3 nei quarti, in due ore e 21 minuti. Nove anni dopo Sara Errani, un’altra tennista italiana arriva in semifinale sulla terra rossa parigina.

La Trevisan batte la Fernandez: ora la Gauff

Martina Trevisan ha così superato la 19enne Fernandez, n.18 del ranking e 17 del seeding. La tennista fiorentina si giocherà l’accesso in finale giovedì contro Cori Gauff (vincitrice del derby americano contro Sloane Stephens 7-5 6-2) in una partita che è la rivincita di quella del 2020 vinta dall’italiana in recupero (la Trevisan raggiungerà poi i quarti di finale). Martina ha approfittato anche di alcune difficoltà fisiche dell’avversaria Fernandez, ma ha comunque compiuto un’impresa.

Sorella di Matteo, una vita nel tennis

Martina, nata a Firenze il 3 novembre 1993, sorella dell’ex tennista Matteo Trevisan, è figlia di Monica, una maestra di tennis, mentre il padre Claudio Trevisan è un ex calciatore che ha giocato anche in Serie B. In carriera ha ottenuto come massimo risultato la qualificazione ai quarti di finale del Roland Garros nel 2020. Proprio quell’edizione ha alcune analogie con quella odierna: nel suo cammino ha eliminato Cori Gauff (che potrebbe incontrare in semifinale), mentre è stata eliminata dalla futura campionessa del torneo e attuale n.1 del mondo Iga witek, che potrebbe addirittura ritrovare in finale.

Il commento a caldo della vincitrice

«Sul primo match-point ero nervosa, tesa: mancava un punto per la semifinale – ha ammesso a caldo l’azzurra, sorridente come non mai -. Poi ho accettato la situazione: ho capito che era normale sentirsi tesa ed emozionata e dovevo fare i conti anche con questo. Sono davvero felicissima. Ieri ho parlato con Francesca e Flavia (Schiavone, regina di Parigi nel 2010 e finalista anche l’anno dopo, e Pennetta, campionessa di New York nel 2015; ndr) e mi sono sentita carica ed orgogliosa per quello che stavo facendo».

31 Maggio 2022
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo