FORMULA 1
5:17 pm, 29 Maggio 22 calendario

Ferrari bagnata, a Montecarlo si sta correndo sotto il diluvio

Di: Redazione Metronews
Ferrari Montecarlo
condividi

Ferrari bagnata, a Montecarlo è diluvio vero. Un primo scroscio di pioggia ha provocato la sospensione della procedura di partenza del GP, poi iniziato alle 15.16. Ma un pesante acquazzone e la pista allagata per lunghi tratti hanno fatto decidere alla Direzione Gara a esporre la bandiera rossa dopo soli due passaggi. Le auto hanno così dovuto fare mestamente rientro ai box in attesa che passasse la perturbazione.

Ferrari bagnata, a Montecarlo si corre sotto il diluvio

Tutto il Principato è stato con il naso all’insù sperando nella clemenza delle nuvole. Alle 16.05 di nuovo, di nuovo auto in pista. Tutti dietro la Safety Car e con pneumatici full wet: prima un giro poi ecco il rientro della Safety. La gara, a quel punto, è partita.

La safety car è però dovuta tornare in pista intorno al giro numero 20, quando Schumacher  ha avuto un impatto violentissimo contro le barriere. Da cui fortunatamente è uscito illeso. L’auto di sicurezza ha permesso ai commissari di ripulire al meglio la pista dai detriti. A quel punto della gara c’era già stata una doppia sosta della Ferrari ai box, con Sainz e Leclerc, per montare le gomme slick dure. Una strategia a cui ha immediatamente risposto il team Red Bull, che nel giro di un lampo ha richiamato le proprie per montare loro mettere le gomme da asciutto. Perez, da tutto questo trambusto, è uscito davanti a Sainz, Verstappen e Leclerc.

Sorpassare in questo circuito è davvero molto difficile (non a caso si dice sia uno dei più noiosi, da questo punto di vista). Per citare qualche numeri, basti sapere che sono stati zero sorpassi  nelle edizioni del Gran Premio di Montecarlo 2021 e 2003 (si tratta comunque di un circuito cittadino, che usa strade pensate per una viabilità ordinaria). Negli ultimi 40 anni la media è stata di 10 cambi di posizione per gara. Insomma, emozioni davvero con il contagocce.

29 Maggio 2022
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo