lavoro
1:13 pm, 29 Maggio 22 calendario

Dai camerieri ai muratori: ecco i 10 lavori più ricercati

Di: Redazione Metronews
condividi

Ci sono 450mila posti di lavoro da cogliere entro l’estate. Il Covid, con i suoi strascichi certamente nefasti per l’economia, ha paradossalmente accentuato l’offerta di lavoro, lasciando aperte posizioni che sono valutabili, secondo l’Istat, attorno al 2% del fabbisogno. Ma quali sono i mestieri più ricercati? Angelo Bilotta, amministratore di Just Work, ha istituito un vero e proprio Osservatorio su un fenomeno sempre più dilagante.

Camerieri, cuochi, bagnini, barman

”I camerieri -spiega Bilotta- sono senza ombra di dubbio al primo posto. Le richieste sono tantissime e arrivano da tutt’Italia. Dai luoghi a vocazione turistica, certo, ma anche dalle grandi città, in particolare quelle dove italiani e stranieri vogliono andare per ammirare l’arte e la cultura che sanno esprimere. Penso a Venezia, Roma, Napoli, Milano. Ci arrivano sos, perché questa è la parola giusta, a decine ogni giorno. Gli imprenditori, lo leggiamo ogni giorno sui giornali, faticano sempre di più a trovare dei dipendenti soprattutto nel settore della ristorazione ristorazione. Non è facile dare subito una risposta. Il problema è serio”.

Dopo i camerieri, ecco i cuochi, altra figura ambita da chi ha attività culinarie. Seguono i bagnini: “Qui -continua Bilotta- bisogna aprire un capitolo a parte. Le spiagge, per poter essere operative, hanno bisogno che ve ne sia uno con tanto di brevetto. Per ottenerlo, serve seguire un corso di formazione. Questo vuol dire che bisogna avere testa e pensare con anticipo al proprio futuro. Certo, è un mestiere stagionale ma adatto ai più giovani, con paghe che non sono da scartare. Si guadagna di media 1.300 euro al mese e si può arrivare fino a 1.800. Niente male per un ragazzo che magari può mettere fieno in cascina per tutto l’anno e si può anche mantenere agli studi”.

Nella top ten stilata dall’Osservatorio di Just Work, al quarto posto si posiziona il barman, al quinto l’autista e al sesto il receptionist di albergo. “Ci sono poi -dice ancora Bilotta- figure decisamente più qualificate, come, ad esempio, gli ingegneri informatici e gli sviluppatori PHP, specializzati cioè nella creazione e realizzazione di siti Internet, che si piazzano rispettivamente al settimo e ottavo posto. Sono posizioni di un certo livello che, anche in questo caso, hanno bisogno di scelte durature negli anni e, in particolare, di informazioni utili da raccogliere quando, usciti dal liceo, occorre decidere la facoltà cui iscriversi. Dalla nostra esperienza, l’orientamento è fondamentale per un sereno futuro lavorativo”.

Carpentieri e muratori

Gli ultimi due posti sono ad appannaggio di carpentieri e di muratori: “L’edilizia – afferma Bilotta – è l’altro settore in crisi sotto questo punto di vista. Abbiamo diverse imprese che si rivolgono a noi per cercare manodopera specializzata e non è semplice trovarla. Alcune storie che ci raccontano mostrano le difficoltà ad avere in organico gli operai necessari per continuare a produrre. Abbiamo incontrato aziende che, in alcuni casi, hanno dovuto imporsi uno stop, con evidenti danni economici, ed altre che invece si sono accontentate a discapito della qualità. Segno dei tempi”.

29 Maggio 2022
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo