Milano
4:37 pm, 26 Maggio 22 calendario
3 minuti di lettura lettura

Tenta di buttare una sconosciuta sotto un treno della M3

Di: Redazione Metronews
condividi

Un gesto folle, senza una spiegazione, ancora. È quello compiuto dalla 29enne che alle 23 di mercoledì, alla stazione di Rogoredo della linea gialla del metrò (M3), ha spinto alle spalle una 26enne, cercando di farla cadere sui binari, mentre stava arrivando il treno. Per fortuna, la ragazza è riuscita a non cadere dalla banchina, evitando la tragedia. Intanto la 29enne era riuscita a scappare, evitando i passeggeri che, avendo assistito alla scena, avevano cercato di bloccarla.

Una fuga durata poco: la donna, infatti, è stata rintracciata dagli uomini della Polmetro all’interno della stazione di Duomo della M3 dove è stata fermata e arrestata per tentato omicidio. Fondamentali le telecamere interne, che hanno permesso agli agenti di ricostruire l’intera vicenda e gli spostamenti della 29enne, risultata gravata da piccoli precedenti penali. La donna, dopo una visita psichiatrica al Fatebenefratelli, è stata portata a San Vittore. Secondo le prime ricostruzioni, le due donne non si conoscevano. Sarebbe stato quindi un gesto non premeditato, un attimo di follia.

Questa mattina, invece, una passeggera è rimasta contusa ad una caviglia dopo un’inchiodata di un treno – un convoglio revampizzato (cioè riammodernato) da poco – sulla Linea Rossa (M1), alla fermata di Cadorna. La passeggera ha chiesto l’intervento dei sanitari una volta arrivata alla stazione di Gambara. Secondo Atm, il convoglio avrebbe frenato bruscamente perché il sistema di segnalamento avrebbe attivato – erroneamente – un avviso di pericolo, facendo scattare la frenata di sicurezza.

Intanto, sul fronte societario, Atm ha reso noti oggi i dati economici. La società riferisce di aver registrato una perdita per il 2021 di 16 milioni, valore ridotto di quasi due terzi rispetto al 2020 (-64,5 milioni). I risultati, approvati dall’assemblea della società di trasporti il cui socio unico è il Comune di Milano, sono in netto miglioramento rispetto all’anno precedente, ma restano ancora negativi e distanti dai livelli pre-Covid. Migliorano nel complesso i ricavi, pari a 1.009,3 milioni di euro (+51,3 milioni sul 2020), che godono dei risultati della controllata estera di Copenhagen – a seguito dell’avvio a pieno regime della nuova linea metropolitana Cityringen e di nuovi contratti – e dei ricavi per i maggiori servizi offerti da tutte le società del gruppo. Nonostante la situazione di incertezza, l’azienda – sottolinea una nota diffusa al termine dell’assemblea che ha approvato il bilancio – ha rispettato gli obiettivi prefissati dal nuovo piano strategico, proseguendo nell’attuazione dei principali progetti, in particolare nell’ambito della digitalizzazione e innovazione, della transizione ecologica e dell’inclusione sociale.

Leggi di più

Scatta il freno d’emergenza, 11 contusi sulla M1

26 Maggio 2022
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo