Bologna
8:28 pm, 5 Maggio 22 calendario
3 minuti di lettura lettura

Lavorano al ristorante senza nessun contratto

Di: Redazione Metronews
Lavorano al ristorante senza contratto
condividi

Lavorano al ristorante ma sono privi di qualsiasi documento o contratto di assunzione, senza assicurazione e sconosciuti alla previdenza sociale. I Finanzieri del Comando Provinciale hanno scoperto 12 lavoratori al nero presso un ristorante orientale. Così hanno segnalato il titolare dall’esercizio commerciale all’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Bologna per l’applicazione del provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale. Il legale rappresentante, inoltre, andrà incontro ad una maxi sanzione, fino a 43.200 euro, per lavoro al nero.

Lavorano al ristorante senza nessun contratto

I Finanzieri del Comando Provinciale di Bologna hanno eseguito un controllo nei confronti del ristorante orientale riscontrando l’impiego di manodopera in nero. La verifica rientra nell’ambito delle ordinarie attività di polizia economico finanziaria di prevenzione e contrasto al lavoro nero.

In particolare le fiamme gialle del Secondo Nucleo Operativo Metropolitano hanno rilevato come la metà del personale impiegato, pari a dodici lavoratori, prestasse la propria attività lavorativa in totale assenza di qualsiasi rapporto di lavoro, e dunque in assenza di una reale tutela assicurativa, assistenziale e previdenziale.

Il ristorante rischia la “maxi sanzione per lavoro nero”

La conseguente verbalizzazione comporterà la segnalazione all’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Bologna per l’applicazione del “provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale”, nonché la contestazione, in capo al rappresentante legale, delle previste sanzioni in materia giuslavoristica, tra cui la cosidetta “maxi sanzione per lavoro nero”. Nello specifico, complessivamente, le sanzioni comminabili potranno variare da un minimo di 21.600 euro ad un massimo di 43.200 euro, oltre alla quota fissa prevista per la sospensione pari ad ulteriori 2.500 euro.

L’attività esperita testimonia il costante impegno della componente territoriale della Guardia di Finanza di Bologna nella lotta a tutte quelle condotte, ivi incluse lo sfruttamento illecito di manodopera, che compromettono l’economia legale e minano la sana e leale concorrenza tra gli esercenti, danneggiando gli imprenditori onesti e che sono rispettosi delle regole di mercato.

5 Maggio 2022
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo