CHAMPIONS LEAGUE
7:15 am, 5 Maggio 22 calendario
3 minuti di lettura lettura

Il Real Madrid è infinito: rimonta il Manchester City e va in finale

Di: Redazione Metronews
Real Madrid Manchester City
condividi

Il Real è infinito: rimonta epica al Manchester City e quattordicesima finale di Champions League. Semifinale a dir poco stellare al Santiago Bernabeu, con il Real Madrid che “strappa” letteralmente la finale della Champions League al Manchester City. Finisce 3-1 per i blancos dopo i tempi supplementari, ma tutto succede tra il 90′ e l’extratime.

 Festa dei Blancos dopo il 3-1 firmato da Benzema, qui con Vinicius jr e Militao

Va in finale il Real Madrid: Manchester City ko

Eppure erano stati proprio i citizens di Guardiola, già in vantaggio di un gol dopo la semifinale dell’andata in Inghilterra, a portarsi avanti con un gol al 28′ del secondo tempo di Mahrez. Dopo il 4-3 per gli inglesi all’andata, a quel punto sembrava archiviata la pratica. Ma dopo quel gol incassato il pubblico madrileno, anzichè avvilirsi, ha cominciato a sostenere la propria squadra con più vigore di prima, senza nemmeno una incertezza.

E, in campo, gli uomini di Ancelotti non si sono arresi. Tanto che con una doppietta di Rodrygo al 90′ e al 91′ sono riusciti a ribaltare le sorti dell’incontro. A quel punto per Guardiola si sono aperte le porte dell’inferno. Si va ai supplementari e torna ancora in cattedra Benzema, vero e proprio “killer” della competizione. Fino a quel punto per lui “solo” un assist decisivo, ma una partita complessivamente opaca (certo, nelle altre gare ci aveva abituati bene). Il centravanti francese si procura e realizza con estrema freddezza il calcio di rigore decisivo. Quello che fa sprofondare il City, e porta il Real alla gloria eterna. Con il 3-1, il Real Madrid stacca il biglietto per la finale con il Liverpool, il 28 maggio a Parigi.

Il saluto tra Guardiola ed Ancelotti prima della partita

Le reazioni: Guardiola ed Ancelotti

«Potevamo fare il 2-0 e stavamo controllando la partita. Se pensavo di essere già in finale? No, loro sono capaci di queste cose, complimenti a loro. Sarà una bella finale. Nei supplementari abbiamo faticato ad entrare in partita, avevamo subito un colpo duro. Nel primo tempo non siamo riusciti ad avere continuità, nella ripresa invece dopo il primo gol stavamo andando bene ma poi abbiamo subito il gol. Il futuro? Ci è mancata la finale però siamo ancora qui e vedremo». Queste le parole di uno sconvolto Pep Guardiola, tecnico del Manchester City, al termine del sfida persa.

«Ci credevano in pochi, ma chi lo ha fatto di più erano i giocatori – ha commentato Carlo Ancelotti a fine partita – in questo stadio basta una scintilla. Lo sa il Psg, lo sanno anche altre squadre. Allenare questo Real Madrid è molto soddisfacente», ha invece detto Carlo Ancelotti, tecnico degli spagnoli.

Il tecnico italiano del Real Madrid è il primo allenatore a raggiungere cinque finali di Champions League – dopo quelle con il Milan nel 2003, 2005, 2007 e sempre con i merengues nel 2014 – superando Marcello Lippi, Alex Ferguson e Jurgen Klopp con quattro presenze a testa.

 

5 Maggio 2022
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo