ucraina
1:26 pm, 26 Aprile 22 calendario

Transnistria, salta centro radio. Ue preoccupata per Moldavia

Di: Redazione Metronews
condividi

La Ue è preoccupata per la Moldavia. «Seguiamo con preoccupazione tutti gli sviluppi legati alla guerra in Ucraina e possibili azioni in altri territori», ha dichiarato il portavoce della Commissione europea, Eric Mamer, rispondendo a una domanda sui recenti bombardamenti nella regione della Moldavia dell’Est, nel territorio conteso della Transnistria. «Abbiamo chiesto dall’inizio della guerra per la cessazione di tutti gli atti di ostilità», ha aggiunto il portavoce.

Transnistria e Moldavia

Un centro di trasmissione radiofonica russo è stato fatto saltare in aria in Transnistria, all’indomani delle esplosioni avvenute vicino al ministero della Sicurezza nell’autoproclamata Repubblica in Moldavia. «Due delle più potenti antenne sono fuori uso», ha fatto sapere il ministero dell’Interno, precisando che «non ci sono stati feriti». Il Consiglio di sicurezza della Transnistria ha dichiarato un allerta rossa terrorismo dopo i tre incidenti delle ultime 24 ore, hanno fatto sapere le autorità dell’autoproclamata repubblica filorussa in Moldavia al confine con l’Ucraina. Il presidente ha indetto la riunione d’emergenza dopo che ieri sera l’edificio del ministero della Sicurezza è stato attaccato con granate, mentre oggi un centro di trasmissione radiofonico con due antenne è stato colpito da esplosioni e un’unità militare di stanza nel villaggio di Parcani è stata presa di mira.

L’”attacco terroristico” contro il Ministero della Sicurezza di Stato della Transnistria a Tiraspol «è stato compiuto da tre persone non identificate sono arrivate dal territorio ucraino» e «a questo sono collegati altri attacchi terroristici», ha affermato una fonte governativa della regione separatista filo-russa della Moldavia, citata dalla Ria Novosti.

Il Cremlino «segue da vicino» la situazione in Transnistria e le notizie che arrivano sono «preoccupanti». Lo ha sottolineato il portavoce Dmitri Peskov, alla luce dei tre attacchi «terroristici» denunciati dalle autorità di Tiraspol nelle ultime 24 ore. «Al momento, non sono stati previsti contatti» tra il presidente russo Vladimir Putin e l’omologa moldava Maia Sandu, ha aggiunto Peskov.

Chisinau e Tiraspol

La Moldavia, che non riconosce l’autoproclamata repubblica filorussa che confina con l’Ucraina, ha indetto una riunione del Consiglio supremo di sicurezza, dopo che ieri aveva lanciato l’allarme su incidenti visti come «pretesti per creare una escalation». L’Ufficio per la Reintegrazione si è detto preoccupato per le esplosioni avvenute nella capitale dell’autoproclamata Repubblica Moldova Transdnestriana. «L’obiettivo dell’incidente odierno  è creare pretesti per un’escalation della situazione della sicurezza nella regione della Transnistria, che non è controllata dalle autorità costituzionali».

26 Aprile 2022
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo