Diversity Media Awards
3:21 pm, 14 Aprile 22 calendario
3 minuti di lettura lettura

Ai Diversity Media Awards in lizza i Måneskin e Madame

Di: Redazione Metronews
M¥SS KETA co-condurrà la serata al Teatro franco Parenti per i Diversity Media Awards
condividi
Måneskin, Kasia Smutniak, Madame, Irma Testa, Marco Cappato, Bianca Balti, sono i nominati e le nominate come Personaggio dell’Anno ai Diversity Media Awards 2022. Riconoscimenti questi che premiano i personaggi e i contenuti mediali che nel 2021 si sono distinti. Per una rappresentazione valorizzante e inclusiva delle persone per genere e identità di genere, orientamento sessuale e affettivo, età e generazioni, etnia, disabilità. Saranno assegnati il 24 maggio in una serata-evento. Al Teatro Franco Parenti di Milano condurranno Michela Giraud, M¥SS Keta e Diego Passoni. L’evento sarà su Rai1 sabato 28 maggio in seconda serata.

Tra Måneskin, Madame e Kasia Smutniak per i Diversity Media Awards

I sei personaggi in lizza come Personaggio dell’Anno sono stati scelti dalla fondazione Diversity per aver concretamente preso posizione su temi attinenti alla Diversità e Inclusione (D&I) contribuendo alla costruzione di una società sempre più inclusiva in cui tutte le persone siano rappresentate. Nello specifico, i Måneskin per la forza e l’energia dirompente con cui si sono affermati a livello internazionale. La band è andata oltre gli stereotipi di genere, lottando contro una tradizionale rappresentazione della mascolinità. Kasia Smutniak per aver acceso un faro sul limbo infernale vissuto dai migranti al confine fra Polonia e Bielorussia. Oltre che per aver promosso un ideale di bellezza che non nasconde imperfezioni. Madame per aver preservato un’identità chiara all’interno di un settore ancora prevalentemente maschile e per aver parlato più volte della sua bisessualità contribuendo a smantellare i luoghi comuni che ancora aleggiano sulle persone bisex.

Da Irma Testa a Bianca Balti

Irma Testa, Medaglia di Bronzo nella boxe alle Olimpiadi di Tokio, per aver fatto emergere quanto sia difficile parlare di orientamento sessuale e affettivo nel mondo dello sport, facendo lei stessa coming out come lesbica. Marco Cappato per la determinazione con cui ha combattuto una battaglia in difesa della dignità e della libertà di ciascuna persona, portando il tema del suicidio assistito al centro del dibattito pubblico del Paese. Bianca Balti per aver promosso l’empowerment femminile e sensibilizzato sul tema delle relazioni tossiche, dando spazio, attraverso la sua esperienza, a voci meno potenti e ascoltate.

Votazioni aperte online

Fino al 29 aprile sarà possibile votare online per eleggere, oltre al Personaggio dell’Anno, anche nelle altre categorie presenti. Durante l’evento saranno assegnati i riconoscimenti all’informazione attribuiti dal Comitato Scientifico di Diversity. Ovvero: Miglior TG, Miglior Articolo Stampa Quotidiani, Articolo Stampa Periodici, Articolo Stampa Web.
Diversity Media Awards
Michela Giraud ai Diversity Media Awards
14 Aprile 2022
© RIPRODUZIONE RISERVATA