ucraina
10:59 pm, 13 Aprile 22 calendario

Incrociatore russo Mosca colpito da missili: nave in fiamme

Di: Redazione Metronews
condividi

L’incrociatore missilistico russo Mosca sarebbe in fiamme.

La nave della flotta russa del Mar Nero è stata colpita dai missili ucraini Neptune. Lo riporta l’agenzia di stampa ucraina Unian aggiungendo che la nave è in fiamme. La notizia, precisa Unian, è stata data dal giornalista Serge Marco «e le sue informazioni sono già state confermate dall’amministrazione statale regionale di Odessa», si legge.

Una conferma arriva anche dal governatore di Odessa Maksym Marchenko. «Missili Neptune hanno causato gravissimi danni alla nave russa. Gloria all’Ucraina!» ha scritto Marchenko su Telegram. Il consigliere del presidente ucraino, Oleksiy Arestovych ha affermato che «c’è una sorpresa per l’ammiraglia della flotta russa del Mar Nero», la Moskva. «In questo momento sta bruciando e con il mare in tempesta non si sa se saranno in grado di ricevere aiuto. Ci sono 510 membri dell’equipaggio», ha detto in una trasmissione su YouTube. Non ci sono conferme invece da parte dell’esercito russo dell’attacco.

L’incrociatore della flotta del Mar Nero

La nave Mosvka è nota perchè all’inizio della guerra, dopo aver intimato la resa a 13 soldati ucraini a guardia dell’isola dei Serpenti, gli è stato risposto, «andate al diavolo».

L’incrociatore fa parte della trentesima divisione di navi di superficie della flotta russa del Mar Nero ed è un fiore all’occhiello di Mosca. L’armamento ha ruolo antinave con 16 missili a lungo raggio SS-N-12 Sandbox supersonici con gittata di oltre 500 km, tutti sistemati pronti al lancio, sopra il ponte della nave, e per questo anche molto esposti ad eventuali danneggiamenti del nemico. Le armi antiaeree sono incrementate molto dalla comparsa dei missili SA-N 6 a lancio verticale, versione navale dei S-300/SA-10 terrestri. Presenti anche cannoni e 10 tubi lanciasiluri da 533 mm.

13 Aprile 2022 ( modificato il 14 Aprile 2022 | 13:33 )
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo