Torino
6:52 pm, 13 Aprile 22 calendario
3 minuti di lettura lettura

Gli azionisti di Stellantis votano contro i 19 milioni a Tavares

Di: Redazione Metronews
condividi

I 19,15 milioni di euro di stipendio annuo dell’ad Carlo Tavares sono troppi. La pensa così il 52,12% degli azionisti di Stellantis che oggi in assemblea ha votato contro la politica di remunerazione del gruppo, che prevede un compenso per l’amministratore delegato, Carlo Tavares, di 19,15 milioni di euro. Una bocciatura che era stata anticipata nei giorni scorsi dall’azionista di minoranza PhiTrust, che in una nota aveva sottolineato come la remunerazione di Tavares per il 2021 potrebbe arrivare a 66 milioni, considerando il piano di incentivazione per il manager al 2028. “La remunerazione di Tavares è giustificata socialmente visto che il gruppo dovrà fare probabilmente fronte a una ristrutturazione con tagli ai posti di lavoro, vista la sua sovracapacità produttiva e la duplicazione di funzioni con la fusione tra Fca e Psa?”, si era domandata PhiTrust.

Sul punto il presidente John Elkann (per lui “solo” 7,88 milioni), ha fatto sapere che si prenderà in considerazione il voto dell’assemblea ma ha sottolineato che si tratta di una «raccomandazione non vincolante» e che «bisogna tenere conto dei risultati record del 2021», in un’ottica di premiazione della performance.

Elkan ha poi riferito che «Nel 2021 siamo diventati il quinto produttore di veicoli elettrici a batteria al mondo, nel 2021 abbiamo registrato, malgrado le condizioni avverse, risultati di esercizio record. Abbiamo creato un’azienda totalmente nuova instillando lo spirito Stellantis, uno spirito imprenditoriale che stimola a spingersi sempre oltre i propri limiti. Abbiamo immesso sul mercato piu’ di 10 modelli, dalla vettura sportiva extra lusso alla piccola city car elettrica. E abbiamo annunciato il nostro piano strategico a lungo termine Dare Forward 2030″.

13 Aprile 2022
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo