Unomaggio Taranto
2:46 pm, 12 Aprile 22 calendario
4 minuti di lettura lettura

Da Caccamo a Ermal Meta per l’Unomaggio di Taranto

Di: Redazione Metronews
Unomaggio Taranto
condividi
Chiara Galiazzo


Diodato

«Dopo due anni faticosissimi torniamo dal vivo. Ma non siamo stati mai fermi. Perché abbiamo lavorato con tanti artisti al documentario che ci ha permesso nel 2020 di comunicare con il resto del mondo. In quel momento ci sentivamo un po’ tutti cittadini di Taranto». Così Diodato presentando il programma di Unomaggio a Taranto.

Unomaggio Libero e Pensante di Taranto

Diodato, Roy Paci e Michele Riondino insieme al Comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti hanno presentato il programma di #unomaggioliberoepensante2022, giunto alla ottava edizione.

Dopo due anni di pandemia, torna finalmente dal vivo l’Unomaggio Libero e Pensante di Taranto. Una manifestazione interamente autofinanziata, creata dal Comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti. In pratica un gruppo di operai e cittadini formatosi a seguito del sequestro degli impianti dell’area a caldo dell’Ilva nel 2012. Unomaggio è diventato in questi anni un punto di riferimento per attivisti e cittadinanza, dando vita a una vera e propria comunità che si incontra per condividere una diversa idea di mondo. Un’idea che ruota intorno alla profonda convinzione che non esiste uguaglianza sociale senza giustizia ambientale e che non può esserci progresso senza rispetto degli ecosistemi e dei diritti universali.

Diodato, Paci e Riondino dirigono Unomaggio a Taranto

Anche quest’anno la direzione artistica di Unomaggio a Taranto è affidata a Diodato, Roy Paci e Michele Riondino. A condurre l’evento saranno Martina Martorano, Serena Tarabini e Andrea Rivera.Per festeggiare questo ritorno all’incontro dal vivo si esibiranno dal palco dell’Unomaggio numerosi artisti che hanno scelto di aderire all’iniziativa, come ogni anno, a titolo gratuito. Tra gli altri si esibiranno anche i direttori artistici Diodato, Roy Paci e Michele Riondino.

Da Caccamo a Ermal Meta, da Chiara a Morandi

Dalle ore 14 si alterneranno dal Parco Archeologico delle Mura Greche per Unomaggio: Giovanni Caccamo, Fabio Celenza, Cosmo, Calibro 35, Cor Veleno con i Tre allegri ragazzi morti, Don Ciccio African Party, Ditonellapiaga, Eugenio in via di Gioia, Francesco Forni, Gaia, Med Free Orkestra con Fabrizio Bosso e Chiara Galiazzo. Melancholia, Ermal Meta, Gianni Morandi. Erica Mou, N.A.I.P., Andrea Pennacchi, Terraross, The Niro. E ancora The Zen Circus, Giovanni Truppi, Margherita Vicario, 99 posse. 

Naturalmente non mancheranno le sorprese. Da sempre l’Uno Maggio Libero e Pensante, oltre a denunciare situazioni insostenibili e inaccettabili – dichiarano i direttori artistici Diodato, Roy Paci e Michele Riondino – costruisce ponti, abbatte barriere. Cancella confini, crea coesione, comunità e punta a cambiare la narrazione. Non solo di una città ma del Paese tutto. Queste intenzioni si rispecchiano  anche nella line up, nella totale libertà artistica che ogni anno non fa alcuna distinzione di genere e si basa con decisione sulla qualità della proposta. A partire dalle band emergenti fino ai più grandi nomi della scena musicale.

Sopra e sotto il palco ci si ritrova per un’idea comune di rispetto per la vita, di rispetto per l’ambiente, per il pianeta che ci ospita, per la tutela dei diritti umani e dei lavoratori. Tutti temi correlati, inscindibili, di cui Taranto è emblema. L’arte, la grande musica, è un fondamentale mezzo di comunicazione che permette di portare il mondo a Taranto affinché poi Taranto e la sua esperienza possano essere portate in giro per il mondo.

Band emergenti in apertura

Ad aprire il concerto saranno le 4 band emergenti, presentate da Sabrina Morea e Gianni Raimondi. Band selezionate da una giuria di esperti nell’ambito del contest Destinazione unomaggio e Francesco Lettieri vincitore del contest del festival Musica contro le mafie, con cui Uno Maggio Libero e Pensante è gemellato da anni.  Un modo per dare spazio alla nuova scena musicale e sostenere giovani talenti.

La musica farà da amplificatore alla voce degli attivisti che interverranno dal palco per condividere e discutere dal vivo i temi politici intorno ai quali è nata la manifestazione. Al centro il lavoro, la giustizia sociale e ambientale, la parità di genere, la pace. In questi giorni di guerra è evidente più dolorosamente che mai la violenza del sistema a cui cittadini e lavoratori liberi e pensanti si oppongono da anni. Soprattutto in in un territorio a cui non è stato risparmiato nulla. La raffineria e il siderurgico fra i più grandi del paese e d’Europa, base, scuola e porto della Marina militare e la più grande base NATO italiana.

Impegno e dibattito

Durante la giornata dell’Uno Maggio, sia nel dibattito della mattina, dalle 10 alle 12.30, moderato dalla giornalista Maria Cristina Fraddosio, sia negli interventi dal palco, ci saranno rappresentanti di movimenti, associazioni e società civile. Luisa Impastato, Aboubakar Soumahoro. Cecilia Strada, Raffaele Crocco, Stefania Barca, Mario Pansera. Cristina Mangia, Francesco Gonella, Valentina Petrini, Roberto Lucchini. Riccardo Noury – portavoce Amnesty International sezione italiana, No Tav, Fridays For Future, No Tap. Bianca Guidetti Serra, Rete contro la militarizzazione, No Muos. Terra Dei Fuochi, Campagna per il clima fuori dal Fossile. Terra dei Fuochi, Rise Up 4 Climate Justice, Extintion Rebelion, i lavoratori di Civitavecchia, Falconara, Bergamo, Veneto, Alitalia, Cementir e i lavoratori della cultura e dello spettacolo.

Uno Maggio Libero e Pensante sarà trasmesso sui canali di Antenna Sud.

12 Aprile 2022
© RIPRODUZIONE RISERVATA