francia
6:56 pm, 10 Aprile 22 calendario

Exit poll: Macron e Le Pen appaiati

Di: Redazione Metronews
condividi

Emmanuel Macron e Marine Le Pen sarebbero testa a testa, alla pari. Il presidente francese e la leader del Rassemblement National  sarebbero primi, appaiati al 24% in un sondaggio effettuato intervistando gli elettori dopo il voto in Francia, dove sono in corso le elezioni presidenziali.

Macron e Le Pen

A scriverlo il quotidiano belga La Libre, sul suo sito, citando “buone fonti”. Terzo sarebbe il leader della France Insoumise Jean-Luc Mélenchon, al 19%; la candidata dei Républicains Valérie Pécresse ed Eric Zemmour sarebbero entrambi intorno all’8%. Il sondaggio sarebbe stato realizzato da un primario istituto, ma la stessa Libre invita a prendere i dati “grezzi” come indicativi, precisando che possono ancora “evolversi fortemente”.

E’ intanto tutto pronto o quasi al Parco delle Esposizioni di Parigi, dove questa sera Emmanuel Macron si rivolgerà ad alcuni sostenitori e a centinaia di giornalisti di tutto il mondo dopo che saranno divulgati i primi risultati del primo turno delle elezioni presidenziali. I giornalisti accreditati, dopo aver fatto una lunga fila, devono passare dei rigidi controlli di sicurezza per accedere all’immensa sala, dove è stato allestito un palco lungo circa 30 metri. Al centro di questo è stato collocato un leggio, dietro al quale sono state posizionate una bandiera della Francia e una della Ue. Sullo sfondo, un’enorme scritta illuminata Nous tous, per sottolineare l’unità della Francia.

Affluenza in calo

Alle 17 (seconda rilevazione della giornata) aveva votato solo il 65% della popolazione. Lo riporta il ministero degli Interni, secondo cui si tratta di un calo del 4,4% rispetto alle elezioni del 2017 alla stessa ora (69,42%). Rispetto alle elezioni del 2002 l’affluenza è invece in aumento di 6,5 punti (era al 58,4%). Alle 12 l’affluenza era al 25,48%, in calo di 3 punti.

Corsica, astensionismo record

Urne chiuse e spoglio avviato in Corsica dove le presidenziali si sono globalmente svolte senza gravi incidenti, ma con un astensionismo record nell’Alta Corsica e nel ricordo del defunto leader indipendentista Yvan Colonna. Tra i disordini segnalati dal quotidiano Corse Matin, a Patrimonio della colla inserita nella serratura del seggio elettorale ha fatto slittare l’apertura delle votazioni. Ad Ajaccio locandine all’effigie di Colonna sono state affisse all’ingresso di alcuni seggi. A Propriano, nella Corsa meridionale, graffiti sull’edificio del comune hanno chiesto ‘I Francesi Forà (IFF). Sul versante dei numeri, in tutto 243.160 elettori erano attesi alle urne: se non hanno accolto gli appelli a boicottare le presidenziali lanciati dai nazionalisti indipendentisti, tuttavia sono andati a votare meno numerosi rispetto ai precedenti appuntamenti per eleggere il titolare dell’Eliseo. In effetti, secondo i dati finora diffusi dalla stampa locale, il tasso di partecipazione della Corsica è stato del 54,85%, il più basso di tutta la Francia, che alle ore 17 aveva una media nazionale del 65%. La Corsica del Sud ha votato meglio rispetto all’Alta Corsica, con 58,48% contro 51,23%. L’affluenza è in calo rispetto al 2017, quando fu del 60,13% nella parte meridionale dell’isola e del 61,23% in quella settentrionale.

10 Aprile 2022
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo