MotoGp
9:19 pm, 3 Aprile 22 calendario
2 minuti di lettura lettura

A Rio Hondo uno storico successo per Espargaro e l’Aprilia

Di: Redazione Metronews
condividi

MOTOGP – Aleix Espargaro vince il Gran Premio di Argentina a Termas de Rio Hondo, centrando il suo primo successo assoluto in carriera e in Moto GP. Il pilota spagnolo chiude un weekend perfetto dopo la pole position conquistata sabato, beffando il connazionale Jorge Martin dopo un duello fino all’ultimo giro. Successo storico anche per l’Aprilia, che ottiene la prima incredibile vittoria in classe regina. Chiude il podio l’altro spagnolo Alex Rins, mentre Luca Marini che scattava dalla terza casella non riesce ad andare oltre un undicesimo posto. Molto bene invece Pecco Bagnaia, bravo a lasciarsi alle spalle una brutta qualifica (partiva 14 ) conquistando un ottimo quinto posto. Cambia la classifica del mondiale, con lo stesso Aleix Espargaro che vola in vetta a 45 punti, posizionandosi davanti a Binder (38) e Bastianini (36), giunto solo decimo sul traguardo.

Il podio argentino (Lapresse)

Aprilia, l’esultanza della Casa

«Un successo arrivato anche prima del previsto, abbiamo lavorato tanto e ci abbiamo creduto, un grazie speciale va anche al gruppo Piaggio che ha creduto e crede tantissimo in noi. E’ davvero molto bello, ci mancava una gioia così grande». Si esprime così un euforico Massimo Rivola, amministratore delegato dell’Aprilia, giunta al primo successo storico in Moto GP grazie ad Aleix Espargaro. «Se lo merita – continua Rivola riferendosi al pilota spagnolo – giusto che sia stato lui ad ottenere la nostra e la sua prima vittoria».

Espargaro: «Una gara speciale, la mia numero 200 in top class»

Ovviamente la gioia di Espargaro non è da meno. «Sono molto felice. Gara speciale, la mia numero 200 in top-class. Tutto era pronto, io sono stato forte, avevo il passo, ma la pressione era doppia, tutti dicevano che sarebbe stato facile, invece non è stato così». Sono queste le prime parole del pilota, commosso. «Ho girato tanto con i bottoni alla ricerca della giusta configurazione, negli ultimi quattro giri andavo forte. Ringrazio tutta la famiglia di Aprilia perché penso che lo meritiamo, e siamo anche in testa al campionato: è un sogno», ha aggiunto il pilota spagnolo che al suo primo successo in carriera balza in testa al mondiale.

3 Aprile 2022
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo