CALCIO
5:45 pm, 29 Marzo 22 calendario

Procuratori: in una anno la Serie A ha pagato 174 milioni

Di: Redazione Metronews
procuratori Serie A
condividi

Procuratori: non sono hanno una influenza senza limiti, ma sono anche degli autentici faraoni del calcio. I dati sono stati pubblicati come di consueto dalla Federcalcio in base all’articolo 8 sulla trasparenza (e sono consultabili sul sito della Figc). Nel 2021 le cose sono andate molto bene agli agenti, tra una commessa e l’altra. Hanno infatti messo in tasca quasi 174 milioni di euro. Una cifra in aumento di quasi 36 rispetto al pur ricco bottino del 2020. In questo anno, infatti, il Covid aveva fermato il tassametro delle commissioni a 138 milioni, mentre l’anno scorso era arrivato a quasi 174 milioni. Chi spende di più? Chi cerca di limitare il potere di queste figure? Stando ai numeri, la Juventus è la società che spende di più con 28,9 milioni, seguita dall’Inter (27,5 milioni), dalla Roma (25,9 milioni) e dal Milan (12,5). A seguire Atalanta (8,3), Fiorentina (8,2) e Sampdoria (7,2) e Napoli (6,9).

Procuratori: in una anno la Serie A ha pagato 174 milioni: ma il Milan dice no

A conti fatti balza all’occhio che oltre settanta dei centosettantaquattro milioni arrivano quindi dalle prime tre in graduatoria, con una “escursione termica” davvero molto significativa scendendo al quarto posto, dove c’è il Milan. Il club rossonero si assesta a quota 12,5 milioni (molto meno della metà della Juventus, per capirci) e questo non è affatto un caso. Maldini e Massara infatti hanno dimostrato molto chiaramente in questi ultimi anni quale è la loro linea e di non scendere a patti con nessun agente. Nemmeno se si tratta del potente Mino Raiola (pure lui ha dovuto piegarsi alla rigidità del nuovo corso rossonero) e di un giocatore simbolo come Donnarumma. Il portierone azzurro ha concluso la sua esperienza in rossonero non nel migliore dei modi e la società è stata inflessibile. Il club dal suo punto di vista ha fatto bene, poichè ha trovato un interprete molto efficace per la porta (Mike Maignan) a condizioni migliori di quelle proposte a Donnarumma.  Nessun rinnovo se non alle condizioni rossonere. Questa la strada tracciata che in estate continuerà con l’addio a Kessié, pronto a trasferisi al Barcellona.

29 Marzo 2022
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo