ucraina
6:33 pm, 28 Marzo 22 calendario

Wsj: sintomi avvelenamento Abramovich e negoziatori Kiev

Di: Redazione Metronews
Abramovich Chelsea
condividi

L’oligarca russo Roman Abramovich, e con lui alcuni negoziatori ucraini, avrebbero sofferto i sintomi di un sospetto avvelenamento dopo un incontro a Kiev all’inizio del mese. Lo ha riferito il Wall Street Journal.

Abramovich, la conferma

Il giornale cita fonti a conoscenza del fatto, secondo le quali dopo quell’episodio, il tycoon e almeno due alti funzionari ucraini hanno avuto occhi rossi, lacrimazione costante e dolorosa e pelle squamata su faccia e mani. E il portavoce di Roman Abramovich ha poi confermato, alla Bbc, che il proprietario del Chelsea ha presentato sintomi di avvelenamento dopo un incontro negoziale informale a Kiev. In particolare, il portavoce di Abramovich ha proprio parlato di dolore agli occhi e di desquamazione della pelle.

Secondo le fonti, la responsabilità sarebbe dei “falchi” a Mosca, che erano decisi a sabotare i colloqui indetti per mettere fine alla guerra; secondo una persona vicina ad Abramovich, non è invece chiaro chi li abbia presi di mira.

Tuttavia da allora le loro condizioni di salute sono migliorate e non c’è alcun rischio per la vita. Il portavoce del presidente ucraino ha negato di aver alcuna informazione in merito a un sospetto avvelenamento.

I negoziati

Roman Abramovich è stato coinvolto «nello stadio iniziale» dei colloqui tra Mosca e Kiev, aveva confermato il 24 marzo il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, interpellato dai giornalisti sull’indiscrezione che sia stato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky a chiedere all’omologo americano Joe Biden di tenere il tycoon fuori dalle sanzioni perchè utile per portare avanti i negoziati tra i Paesi. Quanto a un attuale coinvolgimento di Abramovich, Peskov aveva sottolineato che i colloqui «in questo momento sono tenuti da due squadre negoziali, una russa e una ucraina».

28 Marzo 2022
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo