catasto
7:25 pm, 3 Marzo 22 calendario

Sulla riforma del catasto il governo si salva per un voto

Di: Redazione Metronews
Il governo si salva
condividi

Sulla riforma del catasto il governo si salva per un soffio. È stato bocciato infatti solo per un voto di differenza, in commissione Finanze alla Camera, l’emendamento del centrodestra che chiedeva lo stralcio della riforma del catasto contenuta nella delega fiscale. Sull’emendamento si sono registrati 23 voti contrari allo stralcio e 22 voti favorevoli (con Forza Italia e Lega che hanno votato insieme a Fratelli d’Italia). «Il centrodestra ha tentato di far cadere il governo Draghi sul riordino del catasto – ha commentato il segretario del Pd, Enrico Letta – non vi è riuscito per un soffio. Abbiamo tenuto. Sembra una fake news, in uno dei giorni più drammatici della nostra storia recente. Purtroppo è una notizia vera. Sono senza parole». Si è arrivati allo scontro dopo che è saltata la mediazione sulla proposta di Lega e Forza Italia che prevedeva un censimento catastale circoscritto agli immobili abusivi accatastati. Il governo ha respinto il tentativo di svuotamento della riforma, ribadendo la necessità di agganciare i valori catastali al valore immobiliare e insistendo in una mappatura degli immobili a tutto tondo.

Il governo si salva per un soffio

«La sinistra lo dica chiaramente che vuole far cassa tassando le case degli italiani. Da mesi Pd, Iv, Leu, M5s e Azione – ha sostenuto il capogruppo della Lega alla Camera, Molinari – ci raccontano che la riforma del catasto non serve ad aumentare le tasse ma solo a far emergere gli immobili fantasma, ma quando la Lega e il centrodestra di governo propongono un emendamento per metterlo nero su bianco, gettano la maschera e chiedono a gran voce la revisione dei valori catastali.». Il Pd ha replicato accusando la Lega di propaganda. «Non accetteremo nuove tasse sulla casa, nè ricatti, nè diktat – avevano spiegato invece fonti di Forza Italia – l’obiettivo è impedire l’aumento delle tasse a cominciare da quello sulla casa».

3 Marzo 2022
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo